Libia, Gentiloni al governo: “Mai così isolati, cambiate rotta e vi sosterremo”

L'ex premier osserva che queste sono "giornate decisive, l'equilibrio rischia di precipitare in una guerra civile con conseguenze umanitarie disastrose"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La vera condizione per svolgere un ruolo è a casa nostra, con ‘tanti nemici tanto onore’ avremo un’Italia emarginata, cambiate rotta e se lo fate avrete il nostro pieno sostegno”. Così Paolo Gentiloni si rivolge al governo e alla maggioranza, dopo l’informativa del premier Giuseppe Conte alla Camera sulla Libia.

LEGGI ANCHE: Caos Libia, Conte: “L’Ambasciata resta aperta, scongiurare guerra civile”. E Salvini minaccia la Francia

L’ex premier osserva che queste sono “giornate decisive, l’equilibrio rischia di precipitare in una guerra civile con conseguenze umanitarie disastrose”. E quindi si rivolge a Conte: “Lei si è presentato come avvocato del populismo sovranista, ma l’interesse nazionale si difende in Libia, non aizzando gli animi a Casal Bruciato o incontrando i gilet gialli”.

Per Gentiloni “l’Italia non deve avallare l’iniziativa di Haftar, deve premere per una soluzione politica” per evitare una guerra, che, avverte il deputato dem, “porterebbe anche conseguenze molto serie in termini migratori”.

Insomma bisogna “recuperare un ruolo cardine per una soluzione politica nell’ambito delle Nazioni unite e questo si può fare a condizione che si coinvolgano gli Stati Uniti che ora non ci sono e poi abbiamo bisogno, udite udite, dell’Unione europea”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»