Libia, la paura di Conte: “Rischio crisi umanitaria con conseguenze sui flussi migratori”

Il premier mette in guardia il Parlamento da un possibile riacuirsi della crisi dei migranti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Gli ultimi sviluppi in Libia ed in particolare l’escalation militare sono motivo di forte preoccupazione per l’Italia, così come lo sono e devono esserlo anche per tutta l’Europa e per l’intera Comunità internazionale”. Cosi’ il presidente del consiglio Giuseppe Conte in aula a Montecitorio.

LEGGI ANCHE: Caos Libia, Conte: “L’Ambasciata resta aperta, scongiurare guerra civile”. E Salvini minaccia la Francia

“Come noto, sulla scia dell’operazione nel Sud del Paese da parte del proclamato esercito di Liberazione Nazionale del Generale Haftar, dalla serata del 3 aprile forze del Generale hanno avviato manovre di avvicinamento alla capitale. Il 6 aprile il Presidente del Governo di Accordo Nazionale Serraj ha inviato un messaggio televisivo alla nazione nel quale ha espresso sorpresa per l’aggressione nel corso delle trattative in vista della Conferenza Nazionale ed assicurato una ferma risposta al da lui definitomi tentato colpo di stato”.

“Le informazioni che giungono dal terreno, che risentono di un contesto oggettivamente complesso e soggetto anche a evidenti tentativi di disinformazione e propaganda, descrivono un quadro di situazione estremamente fragile e fluido. Nel complesso, si registra al momento un certo equilibrio nei rapporti di forza ed alterne vicende sul piano militare, in un quadro tuttavia di crescente intensità e violenza, con l’utilizzo di raid aerei e l’afflusso su entrambi i lati di armamento pesante. La stessa Missione ONU (UNSMIL) ha rilevato con allarme un probabile aggravamento della crisi nelle prossime ore/giorni, in corrispondenza con l’atteso massimo sforzo di Haftar per entrare a Tripoli”.

Conte aggiunge che “il succedersi degli scontri e l’aumento del numero di morti – stimati ormai in alcune centinaia – e di feriti, ma anche degli sfollati, segnalano un concreto rischio di crisi umanitaria che va scongiurato rapidamente. L’emergenza umanitaria, con conseguenze anche sui flussi migratori, così come il riaffacciarsi dello spettro dell’insorgenza terroristica dimostrato dal recente attentato perpetrato da Daesh a Fuqaha, nella Libia centrale, impongono determinazione e rapidità di azione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»