Natale di Roma, dal 19 al 22 aprile celebrazioni a Circo Massimo

Presentata in Campidoglio dal Gruppo Storico Romano, questa edizione sarà dedicata al periodo da Nerone a Vespasiano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Musiche di cetre e flauti, parate di centurioni, show di gladiatori, letture e mostre storiche, una partita di antico calcio romano, l’elezione della ‘Dea Roma’ e la spettacolare simulazione della presa di Masada con l’artiglieria romana in azione. Scansate le polemiche, Roma si prepara a spegnere 2.773 candeline con 4 giorni di eventi dal 19 al 22 aprile, con il Circo Massimo protagonista.

Il ‘Natale di Roma’, che in questa edizione sarà dedicato al periodo da Nerone a Vespasiano, è stato presentato in Campidoglio dal Gruppo Storico Romano, promotore della manifestazione, assieme al presidente della commissione Cultura di Roma Capitale, Eleonora Guadagno. 

Si parte venerdì 19 aprile

Il ricco programma di eventi partirà venerdì 19 aprile con iniziative didattiche al Circo Massimo rivolte ai bambini, con giochi intelligenti ideati per far scoprire la cultura e i costumi dell’antica Roma. Nella giornata si terranno incontri con scrittori di romanzi storici che presenteranno le loro ultime pubblicazioni e nel pomeriggio verrà incoronata la vincitrice del concorso di bellezza ‘Dea Roma’. La festa continuerà con danze e con le musiche degli Istriones, formazione musicale che suonerà strumenti antichi, come cetre e flauti. 

Sabato oltre alle attività fisse degli stand, ci sarà il tradizionale ‘Tracciato del solco’, la scena in costume della fondazione della Città eterna. Poi una serata con musiche e performance. 

Domenica sarà la volta della sfilata dei rievocatori, con tanto di benedizione dell’Imperatore Adriano (interpretato da Valerio Bello). Poi la partita di harpastum, antico calcio romano e antenato del rugby, giocato con una palla di stoffa da 2 squadre di 40 legionari. 

Lunedì si terrà la cerimonia dell’accensione del fuoco, poi l’orazione di Gaio Clinio Mecenate e la partenza del corteo storico dei 1.500 rievocatori, che sarà aperto anche agli appassionati che vorranno partecipare. Infine, dopo il concerto della banda dei Vigili di Roma, al Circo Massimo andrà in scena la ricostruzione della presa di Masada con l’artiglieria romana in azione. 

“C’è stato un percorso un po’ sofferto per riuscire ad ottenere questo evento che ha valore storico e per la comunità- ha detto in conferenza stampa Sergio Iacomoni, presidente dell’associazione Gruppo Storico Romano- si tratta di una manifestazione enorme fatta con poche risorse e speriamo di farla istituzionalizzare sempre più”. 

“Due giorni fa è stata fatta una memoria di giunta che ha chiesto che eventi come questo siano supportati- ha detto la presidente della commissione Cultura capitolina, Eleonora Guadagno- E quindi abbiamo messo a disposizione le risorse del service. La stessa sindaca si e’ prodigata affinché cio avvenisse”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»