Sardegna

A fuoco l’auto di un assessore di Sant’Antioco, nel Sulcis

FB_IMG_1460378740133CAGLIARI – “Continuerò a lavorare sempre con più passione e onestà per la mia comunità antiochense, perché ci credo e perché amo la mia terra”. Così sul suo profilo Facebook Mariella Piredda, assessore comunale di Sant’Antioco, vittima questa notte di un’atto intimidatorio. “A breve spero di poter incontrare tutti i cittadini in Aula consiliare- scrive Piredda-. Ci sono valori che vanno oltre tutto, valori profondi che mai nessuno ci potrà bruciare o rubare. Vado avanti con tutta la mia forza”.

L’assessore ha ricevuto la solidarietà e la vicinanza del presidente del Consiglio Gianfranco Ganau, che questa mattina ha partecipato ai lavori del tavolo interistituzionale in difesa della sezione staccata della Corte d’appello di Sassari: “Le parole dell’assessore ai Servizi sociali del comune di Sant’Antioco confortano e dimostrano che nella battaglia contro gli attentati ai pubblici amministratori la Sardegna è unita. Rispetto a questi vili atti intimidatori le istituzioni non sono disposti ad arretrare di un solo passo“.

Ganau ricorda poi come Regione e Consiglio stiano tentando di mantenere alta l’attenzione anche sul presunto e possibile smantellamento del sistema giudiziario isolano: “Non siamo certo nelle condizioni di accettare ridimensionamenti o riduzioni di sedi di tribunali, né tantomeno pensare di ridurre ulteriormente i presidi delle forze dell’ordine nei nostri territori. All’assessore Piredda- conclude- va il nostro sostegno e la rassicurazione che da parte nostra c’è il massimo impegno per contrastare il fenomeno criminale che ormai da troppi anni condiziona la vita delle nostre comunità”.

di Andrea Piana, giornalista

11 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»