Amatrice, Palombini: “Ormai è fatta, l’alberghiero torna a casa”

Esulta, sulla sua pagina Fb il sindaco di Amatrice, Filippo Palombini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’appuntamento e’ per “lunedi’ 18 marzo, alle ore 11, ad Amatrice presso la sala mensa nell’Area food” dove “si terra’ l’ultimo incontro tra i soggetti interessati per verificare le avvenute condizioni per il ritorno del terzo e quarto anno dei ragazzi dell’alberghiero ad Amatrice. Saranno presenti L’Istituto formativo, i dirigenti del Cfp, la Provincia e la Regione, oltre ai rappresentanti dei genitori dei ragazzi”.

Il sindaco rimarca poi come “l’Amministrazione comunale ha fatto tutti gli sforzi che gli erano stati richiesti per creare le condizioni per far tornare i circa 50 ragazzi degli ultimi due anni, ovvero l’allestimento dell’ex scuola liceo trentino per le aule, la segreteria, la sala comune e la biblioteca, che sara’ aperta anche al pubblico, l’adeguamento della sala mensa per ospitare le lezioni di pratica con il nuovo bar di sala e altre postazioni fuoco per gli studenti, i cui lavori termineranno entro la prossima settimana, utilizzando una donazione mirata pervenuta dal Comune di Trieste”.

Risolto anche il problema degli alloggi “gli studenti saranno ospitati presso La Fontana e l’agriturismo Amatrice- continua il primo cittadino- che ringrazio per la disponibilita’ manifestata. La Regione ha messo a disposizione i fondi necessari per i maggiori costi dello sdoppiamento della scuola, gli insegnanti, il personale di servizio, il vitto e alloggio secondo quanto richiesto dall’Ifr. Ora tocca all’Istituto mettere in atto quanto necessario per pianificare il trasferimento e le lezioni che inizieranno dopo il 24 marzo, al ritorno degli studenti dagli stage esterni”.

Un esempio di come il lavoro in squadra possa portare a risultati importanti. “Ringrazio- dice ancora il sindaco di Amatrice- l’Istituto, la Regione e la Provincia che tutti insieme, pur nelle difficolta’, hanno voluto lavorare per quanto di competenza per rendere questo sogno una realta’. È un grande risultato per noi rivedere studenti che si diplomano ad Amatrice, che si specializzano ad Amatrice, i dipendenti di Amatrice che riprendono il loro posto. Ad aprile, finalmente, anche gli Ambasciatori del gusto che tanto hanno dato alla nostra scuola in questi due anni verranno ad Amatrice a svolgere le loro lezioni. È un segno di rinascita, che accade quando riesci a riappropriarti di quanto gli eventi ti hanno tolto con la forza, e’ un’altra prima pietra da cui ripartire”.

L’appuntamento, come detto, e’ per il 18 marzo, giorno in cui si svolgera’ l’incontro “aperto a tutti- conclude Palombini- e vorrei che fossero presenti anche i dipendenti, gli operatori economici, i commercianti, i dirigenti scolastici, i genitori, i cittadini, e quanti vogliano manifestare il loro sentimento di speranza e soddisfazione per un ritorno tanto atteso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»