AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE basilicata

Referendum Trivelle, Lacorazza: “Italiani esclusi dai talk show”

veneto_trivellePOTENZA – “La tv, a partire da quella del servizio pubblico, deve attraversare il senso di inquietudine dell’opinione pubblica. Il fatto che nelle trasmissioni di intrattenimento e nei talk show non si parli del referendum del 17 aprile è una scelta non condivisibile, che chiama in causa la sensibilità dei direttori di rete e dei conduttori. E’ necessario che in queste trasmissioni i cittadini vengano informati correttamente e possano conoscere le ragioni che hanno spinto nove Assemblee legislative regionali e promuovere il referendum del 17 aprile”. E’ quanto afferma Piero Lacorazza, presidente del Consiglio regionale della Basilicata, capofila delle Regioni referendarie.
“Se poi – aggiunge Lacorazza -, addirittura, come riportato oggi da “Il Fatto Quotidiano” (Trivelle, si vota fra un mese e nessuno sa ancora niente), in Rai per i programmi che non riguardano l’informazione ‘si chiede di firmare una liberatoria che vieta di parlare di trivelle’, vuol dire che siamo proprio alla frutta. E invitiamo l’Agcom e la Commissione di vigilanza Rai a verificare se effettivamente è stata adottata questa direttiva. Non si può impedire che gli italiani, le loro preoccupazioni, le loro ansie, i loro problemi (e fra questi anche il timore che il nostro mare possa essere compromesso dalle attività petrolifere) vengano esclusi dai talk show televisivi”.

11 marzo 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988