AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE abruzzo

Zootecnia, avviso per concessione pascoli regionali

pascoliPESCARA – “La Regione Abruzzo ha avviato le procedure per l’affidamento, in concessione agli allevatori ovi-caprini, dei pascoli ricadenti nelle foreste demaniali regionali“. Lo rende noto l’assessore alle politiche agricole Dino Pepe.

   “Sono a disposizione degli allevatori abruzzesi oltre 3000 ettari suddivisi in undici lotti – spiega Pepe – la maggior parte dei quali dotati delle strutture (ricoveri per i pastori e per gli animali) necessarie per l’esercizio della pastorizia”. L’avviso per raccogliere le manifestazioni d’interesse degli allevatori che intendono partecipare alla gara per la concessione, è stato pubblicato sul portale web istituzionale della Regione.
   L’avviso riguarda undici lotti pascolivi di varia estensione (il lotto più piccolo è di circa 138 ettari, il più vasto arriva a quasi 400 ettari), tutti ubicati nei Comuni di Scanno e Barrea all’interno della foresta demaniale “Chiarano-Sparvera”. Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire entro le ore 12 del prossimo 25 marzo all’Ufficio Amministrazione Foreste Demaniali regionali di Castel di Sangro, gestito dal Corpo forestale dello Stato sulla base della vigente Convenzione fra Regione e CfS.
   “L’affidamento in concessione dei pascoli verrà effettuato, in tempo utile per consentire agli allevatori aggiudicatari dei lotti di presentare le domande per i premi previsti dalla normativa comunitaria – aggiunge l’assessore – secondo i criteri stabiliti dalla Giunta regionale, che con apposita deliberazione ha approvato nel mese di maggio 2015 la specifica procedura per regolamentare la concessione di questo importante patrimonio regionale, che ha una valenza non solo economica, ma anche ambientale e sociale. Nel procedimento di affidamento sono previsti punteggi aggiuntivi per i giovani allevatori e per le imprenditrici del settore”.
11 marzo 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988