Arriva San Valentino, ecco i fiori per tornare ad amare dopo le delusioni

Autostima, condivisione e perdono: la fitoterapia usa i fiori australiani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Troppa gelosia o cuore blindato: nel giorno di San Valentino si può tornare ad amare e ad essere amati dimenticando crisi di coppia e delusioni d’amore. Il 14 febbraio Cupido può dunque tornare a scagliare le sue frecce se solo ci si lascia aiutare: il rimedio è offerto dagli Australian Bush Flower Essences, 69 essenze floreali che favoriscono il recupero del benessere psicologico trasformando positivamente l’energia della persona. E via libera alle cene a lume di candela.

“Sono tante le persone che non riescono ad amare, che magari hanno il cuore imbrigliato a seguito di una brutta esperienza o che, per troppa gelosia, trattengono o tradiscono il partner- spiega Cristina Settanni, naturopata, Flower Therapist, esperta in fiori australiani, autrice del libro ‘Fiori del bene’, docente presso il College of Naturophatic Medicine CNM Italia- Per riequilibrare questi disagi emozionali la floriterapia permette di attivare la propria capacità interiore e le qualità positive presenti in noi ma che non riusciamo a manifestare”.

Ecco allora il bouquet di Australian Bush Flowers con un’azione specifica sui problemi di cuore:

– FIVE CORNERS (FIORE DELL’AUTOSTIMA) –

E’ il fiore per l’amore verso noi stessi. E’ adatto alle persone che non si amano. Non si piacciono. Non si rispettano. Troppo severe e critiche con se stesse. Ma come possiamo vivere relazioni felici, se la relazione con noi stessi è infelice? Five Corners ci aiuta a riconoscere la nostra bellezza. Rafforza la stima, la consapevolezza di meritare il meglio, e neutralizza i meccanismi di autosabotaggio che ci impediscono di essere felici. Quando riusciamo ad amarci davvero la vita ci risponde con altrettanto amore e tutto fluisce in armonia.

– BLUEBELL (FIORE DELLA CONDIVISIONE) –

E’ il fiore che aiuta ad aprire il cuore. E’ adatto alle persone che hanno blindato i sentimenti e le emozioni. Hanno paura, di non essere amati e di amare. Quindi per difendersi si negano all’amore. Bluebell risana i cuori chiusi. Lo fa aiutandoci per prima cosa a recuperare dentro di noi l’amore di cui abbiamo bisogno e poi a lasciarlo fluire. Libera le emozioni quando sono bloccate, represse, negate, restituendoci un cuore aperto.

– DAGGER HAKEA (FIORE DEL PERDONO) –

E’ il fiore per il rancore e il risentimento covati dentro a lungo. Nutrire nel nostro intimo il risentimento è pericoloso. Si annida nel corpo e lo consuma, lentamente. Occorre quindi liberarcene il prima possibile. Il solo modo per farlo è perdonare. La funzione di Dagger Hakea è quindi aiutarci a perdonare. Noi stessi e gli altri. Riconnette la mente al cuore, all’amore incondizionato.

Ma come si somministrano le essenze? “La floriterapia dura almeno 21 giorni ma il tempo è molto personale. L’amore per se stessi ha bisogno di essere coltivato lungamente – afferma Settanni – Si riempie una boccetta da 30 ml con 3 parti di acqua e una di brandy, e si aggiungono 7 gocce di ciascuno dei fiori che abbiamo scelto. Di questa essenza combinata si prendono 7 gocce la mattina appena svegli e 7 gocce la sera prima di andare a dormire per almeno 21-28 giorni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»