Sanremo, Salvini: “Mahmood ha vinto grazie ai radical chic, Ultimo ‘segato’ per colpa mia”

"Faccio doppi auguri a Ultimo, vittima inconsapevole perchè io ho sbagliato a dire che mi piaceva la sua canzone"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io sono contentissimo per Mahmood, gli ho mandato un messaggino e gli ho fatto anche un’intervista in cui gli auguro le cose migliori. E’ un mio concittadino e un mio connazionale. La canzone non mi piaceva ma sono gusti. Il ministro dell’Interno potrà avere anche dei gusti musicali. Ma sono rimasto colpito da questa distanza abissale registratasi tra il giudizio, il gusto popolare e il giudizio di qualche radical chic che si è fatto qualche settimane a Sanremo. Non parlo della giuria dei giornalisti. Senza fare nomi dico: Beppe Severgnini, Serena Dandini, Ferzan Ozpetek, Joe Bastianich. Potevo mettere anche mio cugino, piu’ o meno poteva avere la stessa attendibilità di chi potrebbe andare a Venezia per il Leone D’Oro o a Masterchef ma non a giudicare la canzone italiana”. Lo dice Matteo Salvini, ministro dell’Interno e leader della Lega.

LEGGI ANCHE:

Sanremo, Mahmood vince tra le polemiche: Ultimo il preferito del televoto

Sanremo, la vittoria di Mahmood e lo ‘scontro’ tra Salvini e Isoardi

Sanremo, il tweet di Maglie scatena le polemiche: “Maometto vincitore annunciato”

“Faccio gli auguri ad Alessandro (Mahmoud, ndr.)- aggiunge Salvini- e faccio doppi auguri a Ultimo, vittima inconsapevole perchè io ho sbagliato a dire che mi piaceva la sua canzone. Se dico che mi piace ‘tizio’ viene segato a prescindere”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»