Salvini: “L’agenda di governo non cambia, non chiediamo un rimpasto”. Conte: “Per il governo non cambia nulla”

"Gli amici del M5s non hanno nulla da temere", dice il leader della Lega dopo la debacle del Movimento 5 stelle alle elezioni regionali in Abruzzo. E aggiunge: "Il voto politico sarà quello delle europee"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non penso che gli amici M5s abbiano alcunchè da temere, per quanto mi riguarda non cambia nulla”, dice Matteo Salvini in conferenza stampa dopo il voto in Abruzzo.

“Non cambia assolutamente niente nell’agenda di governo, nell’equilibrio di governo, non chiediamo rimpasti, non vogliamo ministri”, dice Matteo Salvini in conferenza stampa dopo il voto in Abruzzo. E aggiunge: “Se riesco già oggi mi vedrò sia con Luigi Di Maio che con Giuseppe Conte”.

CONTE: “RISULTATO CHIARO MA PER GOVERNO NON CAMBIA NULLA”

Lo stesso Conte ha chiarito che, sebbene il risultato sia chiaro ed evidente, per il governo non cambia nulla: “Per carità sono elezioni di una regione centrale- afferma Conte-. Ora aspettiamo anche le valutazioni che spetta agli esponenti delle varie forze politiche fare. Ma il dato mi sembra abbastanza chiaro. Questo non cambia nulla, per il governo centrale non c’è nessun cambiamento all’ordine del giorno“. 

LEGGI ANCHE: Elezioni in Abruzzo, stravince il centrodestra: Marsilio (Fdi) governatore: “Ricostruzione priorità assoluta”

SALVINI ASPETTA LE EUROPEE “QUELLO È VERO VOTO POLITICO, ABRUZZO VOTO AMMINISTRATIVO”

“Quello delle europee sì, sara’ un voto politico. E quello sarà un dato politico. Evidentemente un voto amministrativo, invece, è difficilmente traducibile dal punto di vista politico”. Così Matteo Salvini, in conferenza stampa dopo il voto in Abruzzo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»