Vent’anni fa moriva De Andrè, Bonisoli: “Cantautore degli emarginati e degli sconfitti”

L'11 gennaio 1999 moriva il cantautore genovese. Giovanni Toti: "Inimitabile e immortale nel cuore di tutti noi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Nel ventennale della sua morte, voglio ricordare un artista colto e raffinato, capace di elevare la musica leggera alla poesia: Fabrizio De André. Ha cantato l’amore, ma é stato anche il cantautore degli emarginati e degli sconfitti, mettendo in evidenza universi nascosti e scomodi”. Lo scrive su facebook Alberto Bonisoli, ministro dei beni e delle attività culturali.

“L’opera di Fabrizio De André- aggiunge- è parte della nostra cultura non solo musicale, ma anche letteraria. Concludo con le sue parole della Canzone di Marinella per esprimere la nostalgia del suo genio troppo presto perduto: ‘E come tutte le più belle cose, vivesti solo un giorno come le rose'”.

TOTI: INIMITABILE E IMMORTALE NEL CUORE DI TUTTI NOI

“11 gennaio 1999. Vent’anni fa la Liguria perdeva uno dei suoi più grandi e amati cantautori, Fabrizio De Andrè. La Regione non dimentica: oggi a Palazzo Ducale l’intera giornata sarà dedicata al ricordo del nostro Faber, inimitabile e immortale nel cuore di tutti noi”. Lo scrive su twitter Giovanni Toti, presidente regione Liguria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»