Giovani

Scuola. Giannini e Cantone in visita al Parco Verde di Caivano

ROMA – Attesa da studenti, professori e dirigenti scolastici, Stefania Giannini ha fatto tappa al Parco Verde di Caivano e negli istituti del Comune a nord di Napoli.

“Ho trovato una incontenibile energia in tutti quelli che ho incontrato oggi”. Ha affermato il ministro dell’Istruzione al termine della sua ultima tappa a Caivano, quella all’Istituto tecnico industriale Francesco Morano. Nella mattinata Giannini è stata al Parco Verde visitando alcuni istituti del Comune a Nord di Napoli. Con lei anche il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone.

giannini_cantone
Giannini ricorda di essere al Parco Verde per offrire “quell’aggancio” di cui ha parlato poco prima nel suo intervento don Maurizio Patriciello, il parroco del Parco Verde noto per le sue battaglie nella Terra dei Fuochi. L’aggancio che chiede il parroco serve “affinché i ragazzi che escono dalle nostre scuole non finiscano in galera o peggio morti ammazzati” e magari abbiano opportunità di lavoro “anche al nord”. “Entrare nella scuola – ha da detto ancora Giannini rivolgendosi ai ragazzi – vuol dire entrare nella vita con un passo diverso. Studiare è la cosa più importante che possiate fare”.
stefania_giannini
Si parte dalle periferie, dice il ministro, “perché qui c’è una energia incredibile in grado di trasformare la scuola nel centro delle periferie stesse. Siamo qui per confermarvi che quando uscirete di qui troverete quell’aggancio che citava don Maurizio. È un nostro dovere far si che ovunque si nasca i ragazzi possano spendere nel lavoro il patrimonio acquisito”.

“Il futuro – ha detto infine Giannini – è nelle vostre mani e non in quelle di chi vi fa credere sia tutto facile”. Come atto concreto della vicinanza delle istituzioni alle scuole e alle periferie il ministro ha anche annunciato che il suo ministero si farà carico della somma che ancora manca per il completamento delle cucine dell’Istituto alberghiero di Caivano. La cifra che il Ministero stanzierà (la preside ha parlato di 25mila euro, ndr) andrà ad aggiungersi ai fondi Pon e a quelli stanziati dagli sponsor.

11 gennaio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»