Lazio

Inaugurato il ‘nuovo’ ostello della Caritas alla stazione Termini: dopo la ristrutturazione potrà fornire 500 pasti e ospitare fino a 300 persone

povertà_mensaROMA – Riaprono dopo la ristrutturazione l’ostello Don Luigi Di Liegro e la mensa serale Giovanni Paolo II di via Marsala, alla stazione Termini. A due giorni dall’apertura della Porta santa di San Pietro che ha segnato l’inizio del Giubileo della misericordia, i locali, messi a disposizione dal Gruppo Fs, sono stati inaugurati stamattina con il taglio di nastro e la benedizione da parte del cardinale vicario Agostino Vallini – “Spero che questa casa diventi il focolare della speranza”, l’augurio – alla presenza tra gli altri dell’amministratore delegato e direttore generale delle Ferrovie dello Stato, Renato Mazzoncini, del segretario generale della Conferenza episcopale italiana, Nunzio Galatino, del direttore della Caritas, monsignor Enrico Feroci, del prefetto di Roma, Franco Gabrielli, del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e del presidente di Bnl, Luigi Abete.

I lavori hanno riguardato la messa a norma e la sostituzione di tutti gli impianti, l’incremento dei servizi e della superficie a disposizione, il riposizionamento degli spazi e il rifacimento delle infrastrutture. Grazie agli interventi effettuati l’ostello potra’ fornire 500 pasti e ospitare fino a 300 persone. I lavori sono iniziati nel 2010, in occasione del trentennale della Caritas diocesana di Roma, ma in questi anni l’ostello e la mensa hanno continuato a operare in strutture temporanee nella Cittadella della carita’. Nell’occasione e’ stata svelata all’ingresso dei locali di via Marsala anche la Porta Santa della Carita’, un’opera a mosaico dell’artista padre Marko Ivan Rupnik, che papa Francesco ha scelto di includere nell’Anno Santo e varchera’ il prossimo 18 dicembre alle 16.30.

“Oggi e’ una giornata di profonda gratitudine, dopo tanti anni questa struttura aveva bisogno di essere ristrutturata- ha detto monsignor Feroci- Un piccolo rammarico e’ che vorrei che in questa citta’ questo tipo di Caritas non ci fosse piu’, perche’ tutti hanno diritto a una casa e a un lavoro: una citta’ in cui un solo uomo soffre meno e’ una citta’ migliore, e questo e’ il nostro impegno”, prima di concedersi una battuta indirizzata alle autorita’ locali: “È stato piu’ facile trovare i fondi che avere le autorizzazioni a costruire”.

Per Mazzoncini “avere questa opportunita’ e’ un onore e una soddisfazione, ma anche il segnale che uno dei compiti di un amministratore di un’azienda come Fs sia quello di occuparsi della responsabilita’ sociale che l’azienda ha. Tutte le volte che entro o esco da una stazione mi chiedo come si possa in questo momento particolare conciliare la sicurezza con l’accoglienza, e direi che e’ evidente che questo ostello e le strutture di questo tipo che continueremo a costruire sono l’unica risposta possibile che possiamo dare alle persone bisognose: qui sono loro i padroni di casa”.

I pasti che verranno consumati a via Marsala, ha sottolineato monsignor Galantino, “si aggiungono ai 6 milioni di pasti che vengono distribuiti nelle nostre strutture grazie all’8 x 1000, vuol dire che ancora tante persone hanno fiducia in quello che la Chiesa sta facendo”.

10 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»