L’Fnsi replica a Di Maio: “Minacce e insulti non fermeranno i giornalisti”

La replica della Federazione Nazionale Stampa Italiana dopo i duri attacchi ricevuti dal vicepremier Di Maio

Condividi l’articolo:

ROMA – “Nel giorno dell’assoluzione della sindaca di Roma, Virginia Raggi, il vicepresidente del Consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi Di Maio insulta i cronisti e annuncia una sua legge sull’editoria. Eppure molti di quei cronisti oggi insultati hanno denunciato in anticipo Mafia Capitale e non hanno risparmiato nulla neppure al precedente sindaco, Ignazio Marino. Ieri andavano bene e oggi no?”, osservano Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana.

LEGGI ANCHE:

Processo Raggi, Di Maio attacca i “giornalisti infimi sciacalli” e annuncia una nuova legge sull’editoria

Processo Raggi, Di Battista: “Pennivendoli puttane, i colpevoli sono loro”

Virginia Raggi: “Da due anni colpita con violenza e ferocia dai media”

“Di Maio e chi, come lui fra i 5 Stelle, sogna un’informazione al guinzaglio- proseguono i vertici della Fnsi- deve farsene una ragione: non saranno le minacce e neppure gli insulti a impedire ai giornalisti di fare il loro lavoro. Le sue frasi sono la spia del malessere di chi vede vacillare un consenso elettorale costruito su annunci e promesse irrealizzabili”.

Quanto agli ‘infami’ e agli ‘sciacalli’, concludono Lorusso e Giulietti, “è sicuro, il vicepremier, di non parlare anche di se stesso, considerato che il suo nome continua a figurare fra quelli degli iscritti all’Ordine dei giornalisti?”.

Leggi anche:

10 novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»