Maltempo, fiume esonda a Mazara: sfollati e barche affondate - DIRE.it

Maltempo, fiume esonda a Mazara: sfollati e barche affondate

PALERMO – Dopo l’esondazione del fiume Mazaro, che ha causato allagamenti e distrutto diverse imbarcazioni, a Mazara del Vallo, nel Trapanese, il Comune lancia una “allerta” anche per il fiume Delia.

“A causa delle forti piogge, l’ente gestore della diga Trinità sta provvedendo ad aprire alcune saracinesche per fare defluire l’acqua in eccesso che viene riversata sul fiume Delia”, afferma il sindaco di Mazara del Vallo, Nicola Cristaldi. “Coloro che abitano o lavorano nei pressi del fiume – avvisa il Cristaldi – prestino attenzione ed evitino di recarsi in questi luoghi. La situazione è sotto controllo: la protezione civile comunale e i vigili urbani vigilano sui luoghi”.

Intanto, un primo bilancio dell’esondazione del Mazaro, reso noto dall’Amministrazione, parla di sei sfollati, mentre le imbarcazioni affondate sarebbero una decina. La stima esatta dei danni potrà essere fatta nelle prossime ore con la collaborazione con la Capitaneria di Porto. Il Comune ha allestito nella sala operativa dell’Autoparco comunale la centrale operativa di protezione civile. I tecnici comunali sono al lavoro, con polizia municipale e protezione civile, per la verifica delle condizioni di strade e strutture.

“Quanto accaduto fa emergere ulteriormente la gravità della situazione del fiume Mazaro per il quale da otto anni aspettiamo che la Regione autorizzi i lavori per l’assetto idrogeologico dello stesso – le parole di Cristaldi -. Ho già dichiarato a proposito che sono chiare ed evidenti le responsabilità di chi si trova ad adottare quei provvedimenti che dovrebbero autorizzare i lavori sul fiume Mazaro che ancora non stati effettuati”.

Condividi l’articolo:

Guarda anche:

10 novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»