Golinelli raddoppia: ecco il Centro arti e scienze

centro_arti_scienze_golinelli

BOLOGNA –  La Fondazione Golinelli si espande ancora. E sempre in via Paolo Nanni Costa, in parte sui terreni dove una volta operavano le ex Fonderie Sabiem, di fianco all’Opificio sorgerà il nuovo Centro arti e scienze Golinelli, progettato dall’archistar Mario Cucinella.

Il cuore sarà un padiglione chiuso, semi-trasparente e luminoso nelle ore notturne, avvolto da una ‘nuvola‘, una sovrastruttura metallica modulare che consentirà ai visitatori di percorrerla e di sostare in alcune zone.

Il centro, svelato oggi all’Opificio Golinelli alla presenza del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, sarà sede di mostre e iniziative a supporto del progetto Opus 2065 realizzato dalla Fondazione e completa così la cittadella della conoscenza e della cultura voluta da Marino Golinelli. Il padiglione sarà un parallelepipedo a pianta libera di dimensioni 30 per 20 metri, per otto metri di altezza. Un grande spazio di circa 700 metri quadrati, con pavimentazione in cemento trattato, senza una planimetria rigida e privo di partizioni, per avere la massima flessibilità necessaria per ospitare esposizioni, conferenze, mostre, concerti e proiezioni.

“Chi voglia indagare con uno sguardo più acuto il futuro- spiega in una nota il presidente della Fondazione Golinelli, Andrea Zanotti- deve guardare alla capacità di anticipazione tipica del connubio arti e scienze. La creatività sarà la risorsa in grado di riscattare la tecnica, anticipando e provocando quelle rotture e discontinuità alle quali si affida il progresso umano“.

LEGGI ANCHE

A Bologna debutta l’Opificio Golinelli, cittadella della conoscenza

10 Nov 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»