Bianchi: "7 emozioni diverse per tante ricette"

Emilia Romagna

Bianchi: “7 emozioni diverse per tante ricette”

Marco Bianchi, oltre che divulgatore scientifico sei anche papà. Anche nel tuo nuovo ruolo come promuovi un corretto stile di vita, un’alimentazione sana?

Sicuramente, credendo appunto nella prevenzione che deve partire fin da giovani, e più giovane ovviamente di un bambino non può esserci, ho iniziato fin da subito a educare la mia bimba con il mondo vegetale: fondamentalmente quello che oggi ci protegge maggiormente e di cui abbiamo i dati più forti e più certi. E quindi ho provato a giocare inizialmente, quindi ad avere un’attività più ludica quasi dal punto di vista alimentare. Il che ha funzionato perchè dallo svezzamento ad oggi, che sta per compiere tre anni, diciamo insomma che apprezza e ama il mondo delle verdure e della frutta.

Tra le altre cose hai fatto uscire da poco questo tuo nuovo libro (“La mia cucina delle emozioni”) sia sulla cucina che sulle emozioni legate al cibo. Ci sveli qualche ricetta o qualche emozione particolare?

Sicuramente ho giocato prima di tutto da ex ricercatore quindi ho studiato quelle che erano ad oggi le relazioni, secondo le ultime in letteratura, della relazione che esiste tra cibo ed emozione. Abbiamo scoperto che il cibo oltre a fare prevenzione agisce anche sulla nostra sfera affettiva, sull’emozione, sulla sfera legata al mondo dei neurotrasmettitori. Più o meno quando mangiamo un qualcosa può ovviamente cambiare un po’ il nostro stato d’animo. Ecco, questa cosa ho provato a trasformarla in un prodotto culinario: quindi 7 emozioni diverse per tante ricette e per imparare a giocare ed emozionarsi in cucina.

Complessivamente più in generale noti una consapevolezza maggiore sull’attenzione al mangiare sano, agli stili di vita corretti, o c’è ancora molto da fare?

C’è un po’ di confusione delle volte però l’andamento italiano ormai è quello di migliorarsi. Vogliamo migliorarci tutti e soprattutto c’è una maggiore consapevolezza nell’approccio proprio al mondo healthy, che include dal Movimento all’alimentazione a un pensiero positivo in generale. E su questa cosa ci lavorano tanto anche ormai i mass media, ci lavorano le grandi aziende. Abbiamo comunque un mondo che vuole portarci all’essere più attenti, e di queste cose ne stiamo approfittando un po’ tutti, più o meno.

10 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»