AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE welfare

Il ministro Lorenzin fa vaccinare i suoi gemelli: “Non bisogna avere paura”

ROMA – “Hanno pianto per trenta secondi ed è finita lì… Tutto benissimo!”. Francesco e Lavinia oggi hanno fatto il loro primo vaccino. La ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, questa mattina intorno alle 10 ha portato i suoi gemelli al centro vaccinazioni internazionali di via Plinio, nell’Asl Roma E, per la loro prima punturina.

Il ministro Lorenzin vaccina i gemelli

“Ho vaccinato i miei bambini- ha raccontato Lorenzin ai giornalisti all’uscita del centro- perché penso che nessuno più di me in Italia abbia i dati, la casistica degli effetti collaterali e sia informata da tutti i punti di vista. Spero che il fatto che io sia così tranquilla nel vaccinare i miei figli, quindi, possa tranquillizzare le tante mamme che ancora oggi hanno paura a farlo“. I due bebè, nati a Roma lo scorso 7 giugno, hanno fatto il vaccino esavalente. “Non bisogna avere paura delle vaccinazioni- ha proseguito la ministra della Salute- perché salvano la vita ai nostri bambini e ai bambini che sono intorno a loro. I virus vivono in mezzo a noi e soltanto grazie alle vaccinazioni di massa questi virus entrano nella nostra vita. E lo vediamo tutti cosa accade quando ci sono delle falle nel sistema: bambini che muoiono di morbillo, epidemie di ipertosse, problemi di meningite. Si tratta di cose molto serie e ognuno pensa che non possa capitargli, ma può non capitarti solo se tutti siamo vaccinati”. All’interno del centro vaccinazioni, nel quartiere Prati, Lorenzin racconta quindi di aver “parlato con tutte le mamme, che avevano bambini un pochino più grandi, ma devo dire che in questi mesi ho parlato con tante mamme: tutte mi hanno chiesto se io avrei vaccinato i miei figli. Ebbene: io i miei figli li ho vaccinati- ha concluso- e l’ho fatto con grandissima serenità”.

di Carlotta Di Santo

Giornalista professionista

10 settembre 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram