AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Fascismo, Iori: “Legge contro apologia rafforza la tutela della democrazia”

 

ROMA – “Alla luce della inqualificabile spudoratezza del lido di Chioggia, la proposta di legge da oggi all’esame della Camera, presentata dal Pd, appare piu’ che mai necessaria per rafforzare la tutela della democrazia e contrastare con piu’ efficacia la propaganda del regime fascista e nazifascista”. Lo dichiara, in una nota, la deputata del Pd, Vanna Iori. “La legge prevede che chiunque propaganda le immagini o i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco, ovvero delle relative ideologie, anche solo attraverso la produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, ovvero ne richiama pubblicamente la simbologia o la gestualita’ e’ punito con la reclusione da sei mesi a due anni”, spiega Iori.

“Lo scopo di questa legge e’ introdurre nel codice penale una nuova fattispecie relativa al reato di propaganda del regime fascista e nazifascista per colpire comportamenti talvolta piu’ estemporanei, come il cosiddetto saluto romano che, non possono essere derubricabili a un semplice fatto di folklore, cosi’ come tutta l’attivita’ commerciale che ruota intorno alla vendita e al commercio di gadget , simboli o slogan esplicitamente rievocativi dell’ideologia del regime fascista o nazifascista”, prosegue. “Altrettanto importante e’ l’aggravante di pena derivante dall’aver commesso il fatto attraverso strumenti telematici o informatici che consentono con pochi click di veicolare messaggi, immagini o simboli a una immensa platea di destinatari, come attestano i numerosi siti web e le pagine Facebook”, conclude Iori.


MARCUCCI (PD): M5S CONTRO REATO APOLOGIA, PIÙ CHIARO DI COSÌ 

“Il M5S alla Camera contro il reato di apologia di fascismo. Piu’ chiaro di cosi'”: Lo scrive su Twitter il senatore Pd Andrea Marcucci.


RAMPELLI (FDI-AN): L’ITALIA CHE ‘VA AVANTI’ PENSA A PUNIRE CHI DIFFONDE I SANTINI DEL  FASCISMO
“E’ strabiliante notare come proprio alla vigilia della pubblicazione del libro di Renzi ‘L’Italia va avanti’, il Pd alzi la canizza su una pericolosissima minaccia che si aggira per l’Europa. No, non è il terrorismo islamico, non è l’immigrazione. E’ il fascismo. Questo è il modo del Pd di guardare avanti per il futuro dell’Italia, introdurre nel nostro ordinamento i reati d’opinione, anzi, un unico reato d’opinione perché si potrà impunemente inneggiare a Stalin e a Osama Bin Laden. La verità è che taluni personaggi del Pd restano profondamente illiberali, faziosi e comunisti dentro”.  È quanto ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

VALENTE (M5S): ANTIFASCISMO VALORE FONDANTE COSTITUZIONE NON PUÒ MAI ESSERE DIMENTICATO NÉ MESSO IN DISCUSSIONE
“L’antifascismo e’ un valore fondante della nostra Costituzione e del nostro Paese. Un principio che non puo’ mai essere dimenticato ne’ messo in discussione, rispetto al quale non e’ neppure ipotizzabile un passo indietro.
Gli attacchi odierni nei nostri confronti che provengono dal Pd sono puramente strumentali. Non permettiamo a nessuno di mettere in discussione principi fondanti della nostra storia e della nostra identita’”. Cosi’ il capogruppo del Movimento 5 Stelle alla Camera Simone Valente.

10 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988