Gino Strada: “A 70 anni non pensavo di vedere più in Italia ministri razzisti”

ROMA – “Sono sconcertato. Ho 70 anni e non pensavo piu’ di vedere ministri razzisti o sbirri nel mio Paese. Non hanno considerazione delle vite umane”. Lo dice Gino Strada, fondatore di Emergency, a ‘Mezz’ora in più’ su Raitre, riferendosi al ministro dell’Interno Matteo Salvini e al precedente Marco Minniti. “Io in questa societa’ non mi ritrovo piu’ e cerchero’ alternative. Ad esempio andarmene da questo paese“. Certo, “la risposta migliore sarebbe non avere al governo dei razzisti”. “Credo che i maggiori disastri politici sociali li abbia fatti la sinistra, dalla scuola al lavoro. Quindi non e’ un problema di sinistra e destra. Stiamo andando verso una societa’ caratterizzata dalla barbarie e dal razzismo invece che caratterizzata dalla civilta’ e dalla cultura”, aggiunge Strada.

“MINNITI AVEVA DICHIARATO GUERRA AI MIGRANTI”

“Io vorrei non focalizzare troppo sulle persone la cosa la politica. Il precedente ministro dell’interno, al di la se sia uno sbirro, ha fatto una politica che e’ un atto di guerra contro i migranti e che ha prodotto tanti morti. Che non sia il ‘glu, glu, gli’ nel mare ma ammazzati o violentati sulla terra ferma non mi sembra una cosa piu’ meritoria”.

“SALVINI VUOLE PORTARE AVANTI OPERA MINNITI”

“Quello che Salvini vuole fare e’ portare avanti l’opera di Minniti”.

“SE  M5S AVESSE DETTO GOVERNO CON LEGA PRENDEVA 10%”

“Secondo me il M5s e’ una realta’ in grossa trasformazione. Sono convinto che se si fosse votato la settimana scorsa avrebbero preso la meta’ dei voti. Lo stesso Grillo, di cui sono amico, se avesse detto 10 anni voglio fare un governo per mandare su la Lega gli avrebbero dato dato del matto. Se i 5 stelle, avessero detto prima delle elezioni, andiamo al governo con la Lega mica prendono il 32%, pigliano il 10%, forse…”. Lo dice Gino Strada, fondatore di Emergency, a ‘Mezz’ora in più’ su Raitre.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

10 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»