Comunali, al voto quasi 7 milioni di italiani in 760 Comuni

ROMA –  Oggi 760 Comuni in Italia, di cui 20 capoluoghi di provincia, voteranno i loro nuovi amministratori. Urne aperte dalle 7 alle 23 per i 6 milioni e 700 mila elettori che dovranno decidere se riconfermare il risultato del 4 marzo, dando un segno di approvazione nei confronti del governo gialloverde da poco formatosi, oppure segnare un cambio di rotta. Tra i Comuni interessati dalle votazioni ci sono anche Pisa e Siena, roccheforti Pd che iniziano a mostrare segni di cedimento. I capoluoghi di provincia nei quali si andrà alle urne saranno Brescia, Sondrio, Treviso, Vicenza, Imperia, Massa, Pisa, Siena, Ancona, Teramo, Terni, Viterbo, Avellino, Barletta, Brindisi, Catania, Messina, Ragusa, Siracusa, Trapani.

Nel Lazio 49 i ‘Comuni’ chiamati al voto, tra questi un capoluogo, Viterbo, e due Municipi di Roma, il III e l’VIII. Tredici sono considerati Comuni ‘maggiori’, con popolazione superiore ai 15mila abitanti (Anzio, Fiumicino, Pomezia, Santa Marinella, Velletri e le due ex circoscrizioni della Capitale nella provincia di Roma; Aprilia, Cisterna e Formia a Latina; Anagni e Ferentino a Frosinone; e appunto Viterbo). Complessivamente, gli elettori coinvolti sono 844.176, su una popolazione totale interessata di 954.370. L’eventuale turno di ballottaggio si svolgerà domenica 24 giugno.

Alle ore 12 l’affluenza nei comuni chiamati al voto e’ del 19,82%, come rileva il Viminale. Alle precedenti elezioni la percentuale era stata del 14,48%. Il dato comprende 623 comuni su 760, perche’ sono esclusi quelli della Sicilia. Il dato viene raccolto direttamente dalla regione.

SALVINI: BUON VOTO, SE PER LA LEGA BEL SEGNALE

“Buon voto a tutti i cittadini che oggi, fino alle 23, in oltre 700 comuni, hanno la fortuna di poter eleggere il proprio sindaco. Se poi arriveranno tanti voti per la Lega, sarà un bel segnale politico a chi fa cortei al grido di ‘Salvini assassino’ bruciando le nostre bandiere e una risposta chiara a tutti gli intellettualoni, giornalistoni, chiacchieroni e rosiconi della sinistra secondo i quali in 7 giorni avremmo già dovuto rimediare a quasi 7 anni di governi del Pd. #oggivotoLega”. Lo scrive su Facebook il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

DI MAIO: SINDACI M5S AVRANNO DA LORO PARTE GOVERNO NAZIONALE

“I cittadini italiani decideranno se mandare al ballottaggio e magari poi eleggere sindaco” i candidati del M5s. “Quello che posso dire io e’ che hanno tanto lavoro da fare queste persone, ma questa volta avranno dalla loro parte un governo nazionale che li potra’ aiutare nel risolvere problemi complessi come le crisi aziendali”. Lo dice Luigi Di Maio, vicepremier, ministro del lavoro e dello sviluppo economico in un video su Facebook.

MELONI: “SALVINI SPIEGHI A DI MAIO CHE CITTADINI NON SI RICATTANO”

“Il neo vicepremier Di Maio dice che ai cittadini conviene votare sindaci del M5S perché così avranno un governo amico. Scusa Luigi Di Maio e invece i Comuni che dovessero scegliere un sindaco di un altro colore non potranno parlare con i ministri grillini? I milioni di cittadini che voteranno sindaci di centrodestra o di Fratelli d’Italia non saranno ascoltati dal Governo Conte? Matteo Salvini, nostro alleato nella maggior parte dei Comuni che vanno al voto contro candidati cinquestelle, spieghi a Luigi di Maio che i cittadini non si ricattano”. E’ quanto ha dichiarato il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

MARTINA: “SALVINI E DI MAIO SE NE FREGANO DELLE REGOLE”

“Buon voto nei Comuni che scelgono il Sindaco. Abbiamo due vicepremier che anziché governare nell’interesse di tutti fanno propaganda fregandosene delle regole. Noi pensiamo alle comunità e alle persone capaci di garantire buona amministrazione con competenza e serietà #10giugno”. Lo scrive su Twitter Maurizio Martina, segretario reggente del Pd.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

10 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»