Politica

Riforme, Bersani: “A feste dell’Unità si parli anche di ‘no”

P. Bersani

ROMA – “Leggo l’intervista di Maria Teresa Meli a Renzi a proposito delle feste di partito. È scorretto, per comodità propria, fare la caricatura delle posizioni altrui. Il problema non è certo quello di un banchetto o di un comizio sulla festa. Ovviamente il Pd ha il diritto – dovere di presentare la sua posizione e di sostenerla. Qui si parla di ben altro. Qui si pretende di intitolare le feste del Pd e dell’Unità all’Italia del Sì, all’Italia che dice Sì. Si confondono le feste con una campagna di affissione”, scrive Pier Luigi Bersani sul proprio profilo Facebook.

E prosegue: “Si pensa a una specie di festa del Sì. Le feste sono state inventate per aprirci a chi può anche non pensarla come noi e per farlo partecipare a un confronto di idee. Sono state inventate per ampliare e unire il campo democratico. Usiamole dunque perché il Sì parli al No e non per allestire barriere all’ingresso. Non inventiamoci per favore le feste della Divisione”.

10 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»