Politica

Berlusconi, il prof spiega: “Ecco i rischi legati all’operazione”

S. Berlusconi

ROMA – Silvio Berlusconi dovrà essere operato al cuore. Il leader di Forza Italia sarà sottoposto entro la prossima settimana ad un intervento di sostituzione della valvola aortica. Ad operare l’ex cavaliere sarà Ottavio Alfieri, primario di Cardiochirurgia al San Raffaele di Milano. Per spiegare la difficoltà dell’intervento, il professor Michele Senni, direttore del reparto Cardiologia I, Scompenso e Trapianti di cuore all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione ‘Genetica oggi’, condotta da Andrea Lupoli su Radio Cusano Campus, emittente dell’università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Se non si interviene in tempi abbastanza rapidi, nel giro di 3-6 mesi, il paziente morirebbe– ha spiegato Senni-. Una sostituzione della valvola aortica è un intervento a cuore aperto. Ad oggi non esistono interventi che si possono fare senza tagliare lo sterno. Viene messo il cuore in circolazione extracorporea, cioè viene completamente svuotato il cuore, la circolazione viene mantenuta dalla macchina e il chirurgo può intervenire sulla valvola aortica”.

La percentuale di morte è del 3% e l’età può essere un fattore determinante su questo– ha affermato Senni-. Ma è chiaro che questa è una valutazione di media. Io credo che in questo caso la percentuale sia da ritenersi più bassa in quanto il professor Alfieri che opererà Berlusconi è uno dei più grandi e rinomati cardiochirurghi al mondo”.

I rischi dell’intervento. “Ovviamente ci sono rischi legati ad una possibilità che il cuore abbia subito un danno durante il periodo precedente all’intervento, tale che il cuore non recuperi la sua potenza- ha spiegato Senni-. Le altre possibilità sono legate ai rischi di sanguinamento durante la circolazione extracorporea o di lesioni e danni celebrali dovuti ad eventi embolici”.

medici_chirurgia

10 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»