Preso l’uomo che ha sparato a Noemi a Napoli, la bimba respira da sola

L'uomo è stato fermato a Siena: si chiama Armando Del Re. Catturato anche il fratello, che lo avrebbe aiutato. Per l'agguato in strada gli inquirenti contestano la premeditazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – È stato catturato in provincia di Siena l’uomo che ha sparato alla piccola Noemi a Napoli durante una sparatoria per strada: l’uomo si chiama Armando Del Re. È stato fermato anche il fratello, Antonio, che avrebbe dato supporto logistico ad Armando: si trovava nei pressi di Nola. Ad entrambi viene contestata la premeditazione.

L’agguato dell’altro giorno in piazza Nazionale, ha detto stamattina il procuratore di Napoli Giovanni Melillo in conferenza stampa, è stato in “pieno contesto camorristico”. Gli spari erano diretti a Salvatore Nurcaro e l’accusa è di tentato omicidio.

LEGGI ANCHE: Napoli, Fico da Noemi ferita. In piazza in migliaia per dire ‘no’ alla camorra

SALVINI PLAUDE FORZE ORDINE: NESSUNA TREGUA

“Complimenti a Forze dell’Ordine, inquirenti e Magistratura per la cattura del delinquente che ha sparato alla piccola #Noemi”. Così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, su Twitter. “Sarò ancora una volta a Napoli giovedì 16 maggio – scrive -, per il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza pubblica: nessuna tregua contro camorristi e criminali, lo Stato e i Napoletani vinceranno la sfida”.

LEGGI ANCHE: Napoli, Salvini: “Ci sono stato 4 volte”. E attacca de Magistris: “Smetta di pensare a immigrati”

DI MAIO: NAPOLI MERITA ALTRO

“Grazie a nome del governo alle forze dell’ordine e alle autorità per l’arresto dell’uomo che avrebbe sparato alla piccola Noemi e del suo complice. Preghiamo sempre per lei e per chi soffre ancora. Questi delinquenti devono pagare. Napoli non sono loro, Napoli merita altro”. Così su Twitter il vicepremier Luigi Di Maio.

FICO: NOSTRO PENSIERO ALLA PICCOLA

“Un ringraziamento sentito alle forze dell’ordine e alla Procura per l’operazione che ha permesso l’arresto dell’uomo accusato di aver sparato nell’agguato a Napoli in cui è rimasta gravemente ferita la bimba di tre anni. Fermato anche chi gli avrebbe dato protezione in questi giorni. Il nostro pensiero va alla piccola, che da giorni combatte in un letto d’ospedale, e ai suoi cari. Siamo tutti con voi”. Così in un post su Facebook il presidente della Camera dei deputati Roberto Fico.

MEDICI: NOEMI RESPIRA DA SOLA, PROGNOSI RESTA RISERVATA

Da questa mattinata la piccola Noemi S. è stata portata ad uno stato di sedazione non profonda e attualmente evidenzia una valida respirazione spontanea, supportata da ossigeno ad alti flussi, senza necessità di ventilazione meccanica. La prognosi, però, resta riservata. Lo riporta il bollettino medico diramato dall’ospedale di Napoli Santobono. Dal nosocomio fanno sapere che nella giornata di ieri la bambina è stata sottoposta a broncoscopia sia a destra che a sinistra, così da permettere di liberare i bronchi da muchi e coaguli. Il prossimo bollettino sarà diramato tra 24 ore.

DE MAGISTRIS: CON IL FERMO VINCONO FORZE DEL BENE

“Vincono le forze del bene rispetto a quelle del male. Stamattina sarebbero stati individuati i responsabili dell’agguato che ha causato il ferimento di Noemi. Questo fa capire cosa fa la città di Napoli quando con le sue forze porta avanti una rivoluzione culturale e popolare e grazie alle forze di polizia e alla magistratura”. Lo spiega alla Dire il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commentando il fermo dell’uomo che avrebbe sparato alla piccola Noemi una settimana fa in piazza Nazionale.

Il primo cittadino, che stamattina ha sentito al telefono i vertici di polizia, carabinieri e guardia di finanza, ricorda che ora la città aspetta “la notizia più importante e cioè che Noemi sia definitivamente fuori dal pericolo di vita“. “Sarebbe la notizia più bella – sottolinea – non solo per lei e per la sua famiglia ma per tutta la città che si è stretta attorno a lei ieri fuori al Santobono e nella manifestazione in piazza Nazionale. Noemi da ieri dà segnali di miglioramento importanti. La commentiamo con cautela ma ricordiamo che la città ha dimostrato una grande maturità in questi giorni, dall’immagine bella di piazza Nazionale a quella altrettanto bella del Santobono”.

LEGGI ANCHE: FOTO | Napoli, Mattarella al Santobono per fare visita a Noemi

MORRA: BENE ARRESTO, FATTO RESTA GRAVISSIMO

“Sono sollevato dall’arresto dell’uomo che ha sparato, ferendo gravemente Noemi. Ed anche di chi gli ha dato protezione. Un sentimento di ringraziamento per il lavoro svolto dalle forze dell’ordine e dalla procura di Napoli che hanno lavorato duramente. Ora emergeranno anche i motivi di questo gesto, che rimane di una gravità inaudita perché dimostra un senso di impunità che deve essere combattuto senza tregua”. Lo dice Nicola Morra presidente commissione Antimafia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»