Lampedusa, un applauso accoglie i migranti sbarcati da Mare Jonio. E’ giallo sul sequestro della nave

Le persone soccorse da Nave Mare Jonio sono 30, le donne incinte sono 2. I minori, oltre la piccola di un anno, sono 4 non accompagnati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un applauso ha accolto i migranti della Mare Jonio al momento dello sbarco sulla banchina del porto a Lampedusa.

Intanto, sulla sua pagina Facebook Mediterranea saving humans scrive: “Nessuna notifica di sequestro ricevuta, nessuna irregolarità riscontrata. L’importante per noi è che queste persone siano salve. L’unico crimine è farle morire in mare o in Libia”.

FONTI VIMINALE: NAVE SMARE JONIO SOTTO SEQUESTRO

A quanto si apprende da fonti del Viminale la Guardia di Finanza sta procedendo, con le Capitanerie di Porto, al sequestro della nave Mare Jonio per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

“La nave Mare Jonio è entrata nelle acque territoriali italiane 12 miglia a sud di Lampedusa, con a bordo le 30 persone che abbiamo salvato ieri nel tardo pomeriggio a 40 miglia dalla costa della Libia- si legge sui social Mediterranea Saving Humans- Due unità della Guardia di Finanza ci hanno raggiunto per un ‘controllo di polizia’. Chiediamo un porto sicuro”.

“Le persone soccorse da Nave Mare Jonio sono 30, le donne incinte sono due. I minori, oltre la piccola di un anno, sono 4 non accompagnati”. 


(nella foto la giornalista Chiara D’ambra – dal tweet di @PiazzaPulitaLa7)


“Ecco la bimba di un anno salvata dalla morte in mare e dalla guerra in Libia dalla nave MareJonio.- si legge in un tweet in cui viene postata una foto con la piccola naufraga- Questa immagine è la più grande ricompensa per chi in questi mesi ha sostenuto Mediterranea”.

FRATOIANNI: GRAVE E INACCETTABILE ANNUNCIO SEQUESTRO MARE JONIO

“In un Paese normale chi salva una vita viene ringraziato. Nell’Italia di Salvini invece, viene messo sotto accusa.” Lo afferma Nicola Fratoianni de La Sinistra. “Dovremmo dire un grazie enorme – prosegue l’esponente della sinistra – a chi in queste ore, Marina Militare e Mediterranea hanno salvato persone che senza il loro intervento sarebbero morte. L’annuncio di un sequestro di Nave Mare Jonio è grave e inaccettabile – conclude Fratoianni – Fermare chi salva le vite significa semplicemente aumentare il numero di chi muore in mare.”

PD: SUBITO PORTO SICURO PER LA MARE JONIO, NO NUOVI OSTAGGI

“Subito un porto sicuro per la Mare Jonio, no a nuovi ostaggi in mezzo al mare”. Così Geri Ballo, candidata indipendente nelle liste del Pd-Siamo europei nel collegio del Mezzogiorno, interviene sull’ingresso in acque italiane della Mare Jonio.

“Il governo- prosegue Ballo- la smetta di litigare e di creare distinzioni: non esistono naufraghi di serie A e naufraghi di serie B. A bordo della Mare Jonio ci sono persone in difficoltà che devono essere rapidamente sbarcate e soccorse. Salvini e Di Maio la smettano con il solito teatrino, chi è fuggito dagli orrori della guerra e della disperazione e non merita ulteriori sofferenze”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»