Crisi, Governo attende Rating fitch. Report pronto a giugno

sds esteri valentini

Pasquale Valentini

SAN MARINO – Per i primi di giugno l’agenzia internazionale “Fitch” aggiornerà il rating di San Marino. Oggi e domani una delegazione dell’agenzia è in missione sul Titano per svolgere colloqui con i rappresentanti delle istituzioni, raccogliere dati e informazioni utili a ultimare la relazione annuale sull’economia della piccola Repubblica. A margine della conferenza stampa odierna del congresso di Stato, i segretari per gli Affari esteri e per l’Industria, Pasquale Valentini e Marco Arzilli, rispondendo ai cronisti, spiegano che la relazione di Fitch sul Titano è attesa per il prossimo 3 giugno. I dati diffusi oggi dal bollettino di statistica del primo trimestre 2016, che confermano la ripresa economica del Paese avviata nel 2015, lasciano ben sperare, se non per un miglioramento, per lo meno per una conferma del rating attuale, il BBB+.

marco-arzilli-san-marino

Marco Arzilli

La conferma del rating significherebbe che siamo un sistema stabile– spiega Arzilli- quindi un luogo interessante dove poter investire”. Secondo il bollettino di statistica, nel primo trimestre dell’anno si registra un incremento del 2,1% del numero di aziende, bene 108 in più rispetto ad un anno prima. L’incremento più importante è nel settore manifatturiero, con l’8,2% di crescita, ovvero 38 imprese in più. Continua la flessione per il settore costruzioni con 12 imprese in meno rispetto al 31 marzo del 2015, per un calo di quasi il 3%. Aumenta la forza lavoro: rispetto al 31 marzo 2015 ci sono 62 lavoratori occupati in più, lo 0,3%. Ma resta pesante il bollettino dei disoccupati: al 31 marzo di quest’anno sono 1.468, 66 in più rispetto a dodici mesi prima. Infine, positivi i dati nei primi tre mesi dell’anno sul fronte del turismo: sul Titano ci sono stati infatti 244.971 visitatori, il 13% in più rispetto allo stesso periodo del 2015.

10 Maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»