Esteri, Serracchiani-Erjavec: "Rafforzata cooperazione con Slovenia" - DIRE.it

Friuli Venezia Giulia

Esteri, Serracchiani-Erjavec: “Rafforzata cooperazione con Slovenia”

serracchianiTRIESTE – Friuli Venezia Giulia e Slovenia “concordano circa il rafforzamento della cooperazione bilaterale, sulla necessità di implementare lo scambio di esperienze, buone pratiche e informazioni”, accanto all’impegno per la soluzione delle problematiche ancora aperte e per un’azione congiunta più efficace nell’ambito delle Strategie macroregionali europee anche attraverso la Cooperazione territoriale europea. E’ quanto afferma la dichiarazione congiunta sottoscritta dalla presidente della Regione Debora Serracchiani e dal ministro degli Esteri e vicepresidente del Governo sloveno Karl Erjavec che ha suggellato oggi a Nova Gorica la sessione plenaria del Comitato congiunto Friuli Venezia Giulia-Slovenia.

Entrambe le parti hanno espresso “soddisfazione per il proseguimento della cooperazione avviata“, dopo che il Comitato congiunto era ripartito lo scorso 7 aprile del 2015 articolando la sua attività nei principali settori d’interesse comune, che anche oggi hanno dato vita, prima della sessione plenaria, alla riunione di cinque tavoli tecnici più il tavolo speciale dedicato al tema delle minoranze, presenti gli assessori regionali del Friuli Venezia Giulia e il ministro sloveno per le relazioni con la comunità nazionale autoctona nei Paesi limitrofi e con gli sloveni all’estero Gorazd Zmavc. “Sia la Slovenia che la Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – così nella dichiarazione congiunta – continueranno ad incoraggiare la promozione dei risultati dei numerosi progetti conclusisi nel precedente periodo programmatorio 2007-2013 nonché a partecipare attivamente per la definizione dei futuri progetti strategici“. In questo contesto, è sottolineata l’importanza del tema della promozione delle minoranze, attingendo alle possibilità offerte dal Programma Interreg V A Italia- Slovenia 2014-2020 che vale 90 milioni.

10 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»