AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE Emilia-Romagna

‘Irlanda in festa’, a Bologna cinque giorni dedicati all’isola del trifoglio

irlanda in festaBOLOGNA – Tanta musica, cibo, fiumi di birra e folklore per cinque giorni interamente dedicati all’Irlanda. Si svolge a Bologna una delle più grandi rassegne europee a tema isola del trifoglio: ‘Irlanda in festa’, dal 13 al 17 marzo al Parco Nord.

Per il nono anno consecutivo, curiosi e appassionati potranno assistere a concerti folk (dall’lrlandese al balcanico alla world music) e danze tradizionali, ma anche a tutte quelle attività che appassionano gli irlandesi che frequentano i pub, come le gare di freccette (tutti i giorni sono disponibili pedane per mettersi alla prova) e la Corsa di San Patrizio, corsa podistica per dilettanti.

A farla da padrona, ovviamente, sarà la birra made in Ireland, Guinness in testa, ma anche i piatti tipici cucinati da Anthony O’Leary e Patrick Browne. Non mancheranno inoltre una ricca libreria e il mercatino di artigianato tematico.

La novità di quest’anno è il ritorno di Irlanda in Festa nel cuore pulsante di Bologna. Dopo la fortunata esperienza di tre anni fa in Piazza Re Enzo, questa volta le note folk di stampo celtico – e non solo- risuoneranno al Mercato di Mezzo. Di pomeriggio, infatti, in via Clavature verranno ospitati showcase e incontri con gli artisti in cartellone al Parco Nord. Tutto ad ingresso libero.

Da quest’anno, poi, Irlanda in festa, si svolgerà anche in altre città: oltre Bologna, anche Padova, Milano e Portomaggiore. 

I CONCERTI – Nomi di spicco (e anche unici a pagamento) quelli di Bandabardò e Modena City Ramblers, che si esibiranno sullo stage dell’Estragon. Al Palanord si potranno ascoltare invece tanti gruppi stranieri, come gli irlandesi The Banjacks, The Drunken Lullabies, Chasin Hooley, Setanta, The Knotty Pine String Band, gli spagnoli Oques Grasses e Amparo Sanchez, i Cheers! dalla Repubblica Ceca, gli olandesi Amsterdam Klezmer Band, i tedeschi The Keltics e i Selfish Murphy dalla Transilvania. E naturalmente non mancheranno gli italiani, fra cui i Mau Mau e Cisco, solo per citarne alcuni.

L’ingresso al Palanord è sempre gratuito.

CIBO E  BIRRA – Tutte le sere dalle 19 alle 23, nel ristorante allestito all’interno del Palanord, si potranno gustare piatti tipici della tradizione irlandese preparati dagli chef Anthony O’Leary e Patrick Browne della scuola di cucina di Ballymaloe, come Seafood Chowder (Zuppa di Pesce), Knuckle Na Muicèola in Kilkenny and Chips (Stinco al forno cotto nella birra rossa con patate), Guinness Stout and Beef Stew (Manzo stufato in Guinness), Honey Glazed Loin of Bacon and cabbage (Brasato di maiale al Miele con Cavolo), Colcannon (Sformato di patate, verze e cipolle) o l’immancabile Fish and Chips (Baccalà fritto con patate fritte). Il ristorante della Festa sarà “green” in tutti i sensi, perché userà solo piatti, bicchieri e posate ecologici.

Ci sarà anche la nuova area street food, con una serie di food truck come hamburger di carne irlandese, panini di pesce artistici, pizza e focacce, gnocco fritto, crepes, e tanti altri.

Fra tutti i bevitori della “scura” irlandese sarà sorteggiato un fortunato vincitore che potrà trascorrere un week-end a Dublino, con annessa visita alla Guinness Storehouse.

10 marzo 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988