Premio Cantamessa, l’intervista ai tre vincitori: Francesca Cancelli, Ilaria Casola Casetti e Davide Vecchio - DIRE.it

Articoli

Premio Cantamessa, l’intervista ai tre vincitori: Francesca Cancelli, Ilaria Casola Casetti e Davide Vecchio

 Cassa Galeno premia i tre vincitori del premio Cantamessa:

http://www.dire.it/10-02-2018/172826-cassa-galeno-premia-i-tre-vincitori-del-premio-cantamessa/

CANCELLI: FARE IL MEDICO È UNA MISSIONE

“Il progetto e’ nato dall’idea della mia mentore e direttrice del mio laboratorio di iniziare un nuovo lavoro appena entrata nella specializzazione di malattie infettive. Si tratta di valutare la traslocazione microbica nell’ambito delle infezioni batteriche acute, ambito poco studiato fino ad oggi”. Lo ha dichiarato Francesca Cancelli, ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Frosinone, a margine della cerimonia di premiazione del premio Cantamessa assegnato da Cassa Galeno.

“Per traslocazione microbica- ha continuato- si intende il passaggio di batteri attraverso la mucosa intestinale. Si e’ visto come questo passaggio puo’ portare a numerose patologie nell’ambito delle infezioni nosocomiali e delle infezioni batteriche puo’ portare anche dopo un trattamento adeguato, dopo la guarigione a complicanze anche molto lontane di infezioni sistemiche da batteri a reservoir intestinali. Il progetto e’ ambizioso in realta’ quello che vogliamo e’ porre le basi fisiopatologiche di un meccanismo ancora poco conosciuto. Ai giovani che si apprestano a iniziare il percorso di studi di medicina consiglio di non prendere la medicina come un traguardo in senso di carriera- ha concluso- e’ una missione, lo dicono tutti, ma e’ cosi’ se non lo e’ da principio lo diventa”.

CASETTI: AI GIOVANI MEDICI DICO STUDIATE

“Ho appena iniziato un corso di dottorato in translational medicine all’Universita’ di Pavia e all’interno del progetto di dottorato avevo in programma di trascorrere un periodo in un laboratorio di eccellenza: il centro di medicina molecolare di Vienna. Con il finanziamento Galeno avro’ la possibilita’ di realizzare questo sogno e di rimanere anche qualche mese in piu’ rispetto al previsto”. Lo ha dichiarato Ilaria Carola Casetti, ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Cremona, a margine della cerimonia di premiazione del premio Cantamessa assegnato da Cassa Galeno “Per essere un buon medico- ha continuato- la cosa piu’ importante e’ trovare l’ambito che ci interessa e portare avanti la ricerca in quella direzione, nel momento in cui si trova una cosa bella che ci appassiona, quella e’ la strada giusta, e’ la cosa giusta per fare il proprio meglio. Ad un giovane medico che si appresta a studiare medicina consiglio di studiare il piu’ possibile, perche’ piu’ cose si conoscono piu’ e’ facile trovare la giusta direzione”.

VECCHIO: ANDRO’ A SEATTLE GRAZIE A QUESTO PREMIO

“Con il finanziamento ottenuto concludero’ il mio progetto di dottorato di genetica medica presso l’Universita’ di Washington a Seattle. E’ un progetto di ricerca che prevede una parte sperimentale con la quale andremo ad acclarare il ruolo di una regione genomica come causativa di disturbi al neurosviluppo durante l’eta’ evolutiva”. Lo ha dichiarato Davide Vecchio, ordine dei medici chirurghi e odontoiatri di Palermo, a margine della cerimonia di premiazione del premio Cantamessa assegnato da Cassa Galeno.

“Per essere un buon medico ci vuole passione- ha continuato- la passione ci deve guidare nella pratica clinica quotidiana, nell’attivita’ di ogni giorno. Personalmente essendo un pediatra, devo dire che ricevo molta passione proprio dei miei pazienti. Ad un giovane che si appresta a studiare medicina consiglio di non scindere mai l’attivita’ clinica dall’attivita’ di ricerca”.

10 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»