Friuli Venezia Giulia

Giovani. Panariti: “Approvata graduatoria dei progetti ‘Cittadinanza Attiva’”

PANARITITRIESTE – E’ stata approvata la graduatoria dei progetti che risultano beneficiari di contributi nell’ambito del bando 2015 della Regione Friuli Venezia Giulia per progetti di cittadinanza attiva a favore dei giovani. Il riferimento è il “Bando per la concessione di contributi per progetti di cittadinanza attiva a favore dei giovani presentati da associazioni giovanili – art. 18, legge regionale 5/2012 (Legge per l’autonomia dei giovani e sul Fondo di garanzia per le loro opportunità)” che si colloca all’interno dell’intervento “Giovani e Partecipazione in FVG 2” previsto dall’accordo sottoscritto con la presidenza del Consiglio dei ministri – dipartimento della Gioventù, per l’utilizzo del “Fondo nazionale per le politiche giovanili 2015”.

Sono stati una cinquantina i soggetti che hanno concorso per accedere ai contributi con importi fino a 10.000 euro per la realizzazione di progetti di cittadinanza attiva. Fra i possibili beneficiari individuati dal bando, le associazioni giovanili iscritte al registro previsto all’articolo 11 della legge regionale 5/2012, i Comuni, singoli o associati, della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e i soggetti proprietari o gestori di centri di aggregazione giovanile.

Lo stanziamento complessivo previsto è di oltre 200.000 euro, in parte derivante dal Fondo nazionale per le politiche giovanili 2013 ed in parte da un cofinanziamento regionale. I soggetti finanziati sono 22, selezionati da una commissione valutatrice attraverso l’applicazione dei criteri e  degli indicatori pubblicati sul bando stesso. I progetti proposti si rivolgono a giovani di età compresa tra quattordici e trentacinque anni, residenti o presenti per ragioni di studio o di lavoro nel territorio regionale e perseguono obiettivi riferibili al concetto di cittadinanza attiva, per sviluppare nei giovani:valori e attitudini necessarie per diventare un cittadino responsabile, una capacità di lettura critica dei contesti di vita, una cultura civica e politica (saperi e nozioni sui diritti umani, sulla democrazia, sul funzionamento delle istituzioni politiche e sociali, sul riconoscimento della diversità culturale e storica, ecc.).

L’assessore regionale al Lavoro, Formazione, Istruzione, Pari opportunità, Politiche giovanili, Ricerca e Università, Loredana Panariti si è detta soddisfatta del cospicuo numero di domande ricevute per questo bando che, nella nostra regione, viene proposto per il secondo anno consecutivo. “Non avevamo stimato un tale successo; tutte le proposte progettuali sono risultate molto interessanti dal punto di vista dei contenuti e dell’innovatività delle idee espresse dai giovani. Quest’anno contiamo di riproporlo, affiancandolo ad un altro, di recente approvazione da parte della Giunta regionale, che verterà sulla tematica “Salute e sociale”‘.

10 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»