AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Mai più F35, arriva l’authority contro le spese ‘pazze’ della Difesa

f35ROMA – Mai piu’ F35. Arriva l’autorithy contro le spese ‘pazze’ nel settore della Difesa. In commissione Difesa a Montecitorio si avvia l’iter per l’istituzione “dell’Autorità per la vigilanza sull’acquisizione dei sistemi d’arma e sulle compensazioni”. Oggi la prima seduta, per incardinare il provvedimento e fissare il calendario delle audizioni. La proposta di legge, a prima firma Paolo Bolognesi, deputato Pd e presidente dell’associazione Vittime delle stragi, rafforza il controllo parlamentare sul settore, previsto dalla legge 244/2012, conferendo alle Commissioni Difesa il potere di decidere – mediante parere vincolante – se le Forze armate debbano acquistare un sistema d’arma o se debba essere sospeso o revocato l’acquisto nel caso in cui i costi siano cresciuti oltre il limite di spesa inizialmente previsto. E’ il principio del Nunn-McCurdy Act statunitense: se i costi lievitano del 25 per cento rispetto a quanto originariamente stabilito e autorizzato, il Parlamento può decidere di sospendere l’acquisizione del sistema d’arma. E’ esattamente il caso degli F35. Rispetto ai 13 miliardi di euro inizialmente previsti per i 131 caccia, la stima attuale per il programma pluriennale prevede un esborso di 17 miliardi per 90 apparecchi. Difetti di produzione, ritardi e inconvenienti hanno aumentato i costi negli anni da 63 milioni a 90 milioni per velivolo. Con l’istituzione dell’autorita’ di sorveglianza sui costi degli armamenti, il Parlamento potra’ bloccare l’acquisto.

(Prosegue nel notiziario Dire in abbonamento)

10 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988