AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

L’allarme della Corte dei Conti: corruzione uccide crescita ed imprese

Corte dei ContiROMA – “Crisi economica e corruzione procedono di pari passo, in un circolo vizioso, nel quale l’una è causa ed effetto dell’altra. E l’illegalità ha effetti devastanti sull’attività di impresa e quindi sulla crescita”.  Questo l’allarme lanciato dal presidente della Corte dei conti, Raffaele Squitieri, all’inaugurazione dell’anno giudiziario.

E’ un vero e proprio ammonimento quello che si alza dalla Corte dei conti. “Il pericolo più serio per la collettività è una rassegnata assuefazione al malaffare, visto come un male senza rimedi- ha spiegato Squitieri- Non possiamo permettere che questo accada. Le crescenti difficolta’ gestionali connesse al perdurare della crisi ed il ripetersi di fenomeni di mala gestio e di corruzione, che pensavamo aver lasciato alle spalle, rischiano di incrinare oggi non solo il rapporto tra cittadini e classe dirigente del Paese, ma la stessa speranza di poter trarre dall’azione pubblica nuovo impulso per il ritorno su livelli di crescita soddisfacenti”.

“Il perdurare a lungo di condizioni di bassa crescita, se non di stagnazione, oltre a moltiplicare le difficolta’ di gestione di bilancio pubblico e, quindi, di implementazione degli interventi necessari per affrontare la crisi, predispone un terreno favorevole a fenomeni di mala gestio e corruzione” ha concluso Squiteri.

10 febbraio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988