Musica, a 50 anni dal suo debutto Roma rende omaggio a Rino Gaetano - DIRE.it

Articoli

Musica, a 50 anni dal suo debutto Roma rende omaggio a Rino Gaetano

ROMA – Il prossimo 9 dicembre Roma dedica una serata a Rino Gaetano, a 50 anni dal suo debutto musicale nella capitale con il quartetto Krounks. L’omaggio musicale e letterario all’amatissimo cantautore italiano si terrà alla Galleria SpazioCima.

‘Gianna’, ‘Ma il cielo è sempre più blu’, ‘Mio fratello è figlio unico’ e ‘Aida’, sono solo alcuni dei suoi successi più cantati di sempre, che, a 36 anni dalla sua morte, sono ancora attuali. Il cantante sarà ricordato con alcune letture dello scrittore Matteo Persica, autore di ‘Rino Gaetano-Essenzialmente Tu’ (Odoya edizioni, 320 pagine, con un sedicesimo di immagini a colori). Si intervalleranno anche le canzoni di Daniele Savelli che, con voce e chitarra, cercherà di far rivivere le emozioni di uno dei più grandi artisti italiani.

‘Rino Gaetano-Essenzialmente Tu’

Il libro di Persica, nato dal meticoloso lavoro del biografo, è ‘un atto d’amore’ nei confronti di Rino Gaetano. Come in Anna Magnani, ‘Biografia di una donna’, uno dei libri Odoya più venduti di sempre, l’autore riesce a resuscitare la voce narrante del protagonista senza farsi intimorire dalle lacune: quel che Gaetano non ha detto nelle numerose interviste, lo dicono gli amici, i colleghi, le fidanzate. Le voci di Domenico ‘Mimì’ Messina (amico dai tempi del seminario), Franco Pontecorvi (amico e road manager), Amelia Conte, Daniela (le sue partner), il produttore Giacomo Tosti, i suoi amici d’infanzia e molti, molti altri innestate sull’auto-racconto creano una trama fluida che racconta questa vita completamente.

Rino Gaetano e Roma

La vita del cantautore è particolarmente legata alla capitale. Era il 1967 quando un allora diciassettenne Rino Gaetano torna, dopo la breve parentesi del 1960, a Roma. Qui visse il resto della sua vita, prima in via Cimone, nei dintorni di piazza Sempione, successivamente, dal 1970, in via Nomentana Nuova. E sempre a Roma, insieme a un gruppo di amici, debuttò musicalmente con il quartetto Krounks, che eseguiva soprattutto cover. Lui era al basso, ma nel frattempo continuava a comporre canzoni, seguendo i suoi riferimenti artistici, quali Enzo Jannacci e Fabrizio De André, Bob Dylan e Beatles.

 

9 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»