Droga, in Toscana consumatori sempre più giovani, sono 516 i minorenni in carico ai servizi sociali - DIRE.it

Toscana

Droga, in Toscana consumatori sempre più giovani, sono 516 i minorenni in carico ai servizi sociali

droga

FIRENZE –  “A volte sembra che il fenomeno delle dipendenze, siccome se ne parla meno, non esista più. Invece, purtroppo, il fenomeno esiste ancora ed è anche più surrettizio perché si percepisce di meno rispetto a come accadeva una volta. È periodico, le droghe sono sempre più sintetiche e sempre più difficili da identificare, ma non per questo sono meno dannose per le persone. Anzi, i giovani cominciano a far uso di droghe in età sempre inferiore”. Lo ha spiegato l’assessore regionale per le Politiche Sociali, Stefania Saccardi a margine della conferenza sulle dipendenze. I dati più recenti elevano l’allarme fra i minorenni, visto che ben 516 persone che sono in carico attualmente ai servizi sociali sono di età compresa fra i 16 e i 18 anni. A livello generale, invece, fra alcolisti, tossicodipendenti e persone affette da ludopatia sono 20.000 i pazienti in carico ai servizi.

“Quindi- ha aggiunto l’assessore Saccardi-, diventa sempre più importante avere servizi capaci di intercettare questi bisogni e queste difficoltà e si fa meglio se lo facciamo attraverso l’intervento e con la collaborazione con l’associazionismo e col privato sociale. Siamo convinti che questa collaborazione possa essere utile su questa nuova modalità che ha assunto il fenomeno”. Soprattutto, per Saccardi è da elogiare “il collegamento e la cooperazione fra le istituzioni e il privato sociale. Noi abbiamo una ricchissima presenza di comunità terapeutiche, che intervengono sul tema delle dipendenze, ormai storicamente con grandi competenze e con grandi qualità e credo che questa sia una delle vere ricchezze della nostra regione. Conseguentemente- ha concluso- ci confrontiamo costantemente con questo tavolo di operatori, per vedere dove le norme, le procedure, i percorsi devono essere riqualificati e riprecisati”.

Di Carlandrea Poli – Giornalista

9 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»