Politica

Sicurezza, un registro delle moschee e degli imam: parte l’iter alla Camera della proposta di legge del centrodestra

islamROMA – Istituzione del Registro pubblico delle moschee e Albo nazionale degli imam. Nei giorni della massima allerta sulll’allarme terrorismo, alla Camera parte l’iter delle proposte di legge, presentate dal centrodestra, che fino a oggi non erano ancora state inserite nel calendario dei lavori. In commissione Affari costituzionali, con la relazione di Elena Centemero (Fi), sono infatti stati incardinati due testi: uno, depositato il 19 marzo 2015, e’ a prima firma di Daniela Santanche’ e reca le firme di altri suoi colleghi di Forza Italia, tra cui il capogruppo Renato Brunetta, oltre che di esponenti della Lega e di Fratelli d’Italia, con Giorgia Meloni in testa; il secondo, targata Fi, e’ del deputato Elio Massimo Palmizio, ed e’ stata presentato l’11 novembre scorso, due giorni prima degli attentati dell’Isis a Parigi.

La proposta di legge Santanche’, composta di 11 articoli, ha l’obiettivo di regolamentare la realizzazione di moschee e l’attivita’ degli imam con l’istituzione di un registro pubblico delle moschee in Italia, alla cui iscrizione provvede il Ministro dell’interno previa verifica degli elementi e della documentazione, previa istruttoria svolta dalla prefettura-UTG competente per territorio; il controllo da parte del prefetto sulle moschee registrate, anche con riguardo alle attivita’ compiute all’interno delle moschee; l’istituzione dell’albo nazionale degli imam, la cui iscrizione e’ disposta dal Ministero dell’interno a seguito dell’accertamento dei requisiti necessari; l’istituzione di una Commissione per l’albo degli imam che, tra i vari compiti, rilascia l’attestato di idoneita’ necessario per presentare l’istanza di iscrizione all’albo; disposizioni per la formazione di coloro che gia’ esercitano la funzione di imam e per coloro che intendono svolgerla.

La proposta Palmizio, consta di 4 articoli circoscritti all’istituzione dell’albo nazionale degli imam.

9 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»