Istituto Sicurezza Sociale, referti e radiografie su smartphone e tablet

identita digitale pinSAN MARINO – L’esito degli esami medici direttamente sul proprio smartphone. È quanto rende possibile un primo progetto pilota che porterebbe la sanità sammarinese a una “digitalizzazione” presente in Europa solo in pochi Paesi, come Danimarca e Gran Bretagna. La Segreteria di Stato per la Sanità e Sicurezza Sociale, congiuntamente alla Direzione Generale dell’Istituto Sicurezza Sociale, presentano oggi un progetto elaborato in collaborazione con l’azienda Agfa Healthcare, leader mondiale nella fornitura di tecnologie per l’assistenza sanitaria, per la consultazione on line dei dati clinici e referti radiografici da parte dei cittadini sammarinesi.

“Questo innovativo sistema, che verrà integrato nella piattaforma informatica dell’Iss- spiega una nota della segreteria di Stato- consentirà alla sanità sammarinese di fare un grande passo in avanti nella relazione paziente-medico, dando la possibilità a cittadini e operatori sanitari di accedere ai dati clinici direttamente via web o mediante dispositivo mobile, come smartphone e tablet”.

In questo modo inoltre, sottolinea la nota, si ridurranno i costi e tempi di ricezione degli esami di vario tipo, in primis quelli prodotti dalle diagnostiche per immagini in Radiologia, semplificando e amplificando i livelli di accesso agli esami clinici da parte dei pazienti. I medici inoltre potranno fare confronti in tempo reale e avere una tracciatura certa delle diagnosi pregresse: in questo modo si ridurrà l’errore diagnostico. Il degretario di Stato Francesco Mussoni dichiara di essere soddisfatto dell’avvio di questo progetto che favorisce ulteriormente la comunicazione diretta fra la sanità sammarinese e il cittadino. “Con questa iniziativa- sottolinea infine Bianca Caruso, direttore Iss-andiamo direttamente a casa degli assistiti per una sanità che è dalla parte del paziente e mette il cittadino al centro”.

9 Novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»