Presidio Cgil e Uil per i licenziati del Maggio fiorentino - DIRE.it

Toscana

Presidio Cgil e Uil per i licenziati del Maggio fiorentino

FIRENZE – Cgil e Uil in presidio sotto palazzo Medici Riccardi, sede temporanea del Consiglio comunale di Firenze, per protestare contro il licenziamento di 3 tersicorei (ballerini) del Maggio musicale fiorentino. I tre lavoratori, sottolinea Marco Del Cimmuto della Cgil “sono stati licenziati con provvedimenti individuali. Non finiranno in pensione, né in Ales”. Per loro si aprono le porte “della Naspi (Nuova assicurazione sociale per l’impiego) senza prospettive. Una cosa gravissima, che per altro smentisce tutti gli impegni dichiarati e assunti sul non smantellare il Teatro”. Per questo, continua Del Cimmuto, “abbiamo chiamato il ministro Franceschini e il sindaco Nardella a rispondere delle loro affermazioni, visto che hanno sempre detto ‘nessuno verrà licenziato’. Questo, infatti, è la riprova negativa delle loro affermazioni. Che vengano a rispondere e rendano conto a questi lavoratori, che ora si ritrovano in mezzo alla strada”.

protesta firenze

9 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»