I commercialisti di Italia e San Marino studiano reati di bilancio

SAN MARINO – Bilancio e false comunicazioni sociali: questi i temi del convegno che si terrà domani, martedì 10 novembre, presso l’Aula Magna del Campus di Rimini, organizzato dagli Ordini dei commercialisti ed esperti contabili d’Italia e della Repubblica di San Marino. “I fatti materiali nel Bilancio d’Esercizio anche alla luce della riforma del reato di false comunicazioni sociali” è il titolo dell’evento che è di “particolare importanza- sottolinea una nota dell’Odcec sammarinese- in quanto testimonia il rinnovato percorso di collaborazione e di dialogo tra le istituzioni di diritto sammarinese e quelle della Repubblica italiana ricomprendendo tra queste anche i rispettivi ordini professionali”. Non solo, “il convegno- aggiunge la nota- si inserisce a pieno titolo nello spirito di collaborazione e sostegno reciproco sancito dal Protocollo d’intesa siglato a San Marino tra l’Odcec di San Marino e il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili italiani all’inizio del 2015”. L’argomento trattato è relativo ai fatti materiali indicati nel bilancio d’esercizio, con particolare riferimento alla riforma del reato di false comunicazioni sociali. Possono partecipare dottori e ragionieri commercialisti, revisori dei conti, avvocati, giuristi ed economisti interessati ad approfondire detta materia nei suoi aspetti più significativi. In particolare, il presidente dell’Odcec sammarinese, Marco Stolfi, nel pomeriggio parteciperà con un breve approfondimento sul reato di “false comunicazioni” nell’ordinamento sammarinese. L’evento, che impegnerà tuta la giornata a partire dalle 10 di mattina, si aprirà con il saluto del prefetto di Rimini, Giuseppa Strano Materia, seguito da quelli di Rossella Talia, presidente del Tribunale di Rimini, e di Paolo Giovagnoli, procuratore capo della Repubblica presso il tribunale di Rimini.

9 Nov 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»