Lazio

Unicusano lancia nuovo focus sulla ricerca con il Corriere dello Sport

ROMA – Un approfondimento settimanale per dare ancora più spazio a ricerca, medicina e sport, colonne portanti dell’università degli studi Niccolò Cusano. Arriva in edicola dal 10 novembre, in allegato gratuito ogni martedì con il Corriere dello Sport-Stadio, ‘Unicusano Focus Sport&Ricerca’: otto pagine per accendere i riflettori sull’importanza dell’attività scientifica legata al mondo del calcio, delle associazioni e delle famiglie di ragazzi con disabilità.

L’iniziativa si affianca alla collaborazione già in piedi tra l’ateneo e il quotidiano sportivo romano, che da un anno aggiorna lettori e appassionati sulle questioni legate alla ricerca grazie anche alla squadra dell’Unicusano Fondi calcio. “Ogni giorno abbiamo fatto penetrare il messaggio fondamentale dell’attività di ricerca legata allo sport- spiega Gianluca Fabi, responsabile dell’ufficio stampa dell’Unicusano- Ora quindi ci troverete insieme al quotidiano non solo per quattro giorni con la nostra pagina, ma anche con questo approfondimento settimanale“. Un focus che unisce ricerca e sport “ma che dà spazio anche a cultura, letteratura, fumetti, cinema. Il cardine resterà comunque lo spazio dedicato alla disabilità e ai ragazzi che si mettono in gioco con lo sport, raccontando le loro storie di passione, l’impegno delle famiglie e delle associazioni, comprese quelle di volontariato, che si occupano di loro”. Con una grande novità. Con ‘Unicusano Focus Sport&Ricerca’, realizzato dall’ateneo e dalla redazione di Radio Cusano Campus ma aperto anche a contributi esterni, “inizieremo a fare conoscere anche il mondo delle imprese che investono su materiali e tecnologie legate a sport e disabilità”. L’obiettivo è quello di “far uscire dall’ombra mediatica e mettere in vetrina storie positive e straordinarie- conclude Fabi- convinti che in questo modo ci potrà essere un risveglio su tematiche fondamentali anche per lo sviluppo del nostro Paese”.

9 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»