Il lavoro in DIREtta, ecco le notizie dal territorio

Il mondo del lavoro e non solo. Ogni giorno in Italia il tema dello sviluppo economico, dei rapporti tra imprenditori e lavoratori assume i contorni piu’ diversi. Qui la ragione di ‘Lavoro in DIREtta’ lo speciale della Dire in collaborazione con i colleghi di Rassegna (www.rassegna.it). Buona lettura

LEGGE FORNERO, 14/10 PRESIDIO A TORINO CON CAMUSSO – Mercoledì 14 ottobre il segretario generale Cgil Susanna Camusso sarà a Torino per partecipare al presidio a sostegno della modifica della legge Fornero. L’iniziativa, indetta dalla Cgil territoriale, si svolge alle ore 17 davanti alla Prefettura (piazza Castello). Partecipano anche la segretaria generale della Camera del lavoro torinese Enrica Valfrè e i segretari cittadini di Cisl e Uil.

IPER MONTEBELLO PAVIA, DOMANI SCIOPERO E PRESIDIO – Si svolge sabato 10 ottobre lo sciopero dei 278 dipendenti dell’Iper Montebello (Pavia). A motivare la protesta, spiega un articolo del quotidiano La Provincia Pavese, la decisione aziendale di disdettare il contratto integrativo. Alle ore 11 è prevista anche un’assemblea dei lavoratori e un presidio con distribuzione di volantini alla clientela. “È grave la scelta dell’azienda di dichiararsi non disponibile alla discussione” spiegano i sindacalisti Debora Roversi (Filcams Cgil), Gildo Comerci (Fisascat Cisl) e Domenico Ciccone (Uiltucs Uil): “Non è pensabile che l’unico strumento di cui Iper intende servirsi per superare la fase critica provocata dal calo di consumi sia il risparmio sul costo del lavoro, senza prevedere alcun piano di sviluppo. Inoltre, il rinnovo dell’integrativo era un impegno formalmente assunto da Iper al termine, nel 2014, della procedura di mobilità. I dipendenti non vedono un aumento salariale dal 2011”.

MODENA, ATTIVO UNITARIO CONTRO LA RIFORMA DELLA SCUOLA – Si è svolto oggi presso la sala dell’istituto Corni al Polo Leonardo di Modena, l’attivo unitario di Rsu e delegati dei sindacati Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda per discutere insieme delle ricadute della riforma di Renzi sulla contrattazione di istituto e sul mondo della scuola e organizzare le prossime iniziative di protesta. Lo comunica la Cgil Modena in una nota. “L’anno scolastico è partito all’insegna della Buona scuola, approvata lo scorso luglio nonostante l’evidente disaccordo del personale della scuola e degli studenti – scrive il sindacato -, ma la protesta non si ferma. La legge infatti, secondo i sindacati, aggrava la situazione della scuola italiana: non contribuisce ad innalzare i livelli di istruzione, non migliora l’offerta formativa, introduce un modello gerarchico, inaugura una valutazione di stampo punitivo che non valorizza le professionalità del mondo della scuola ma le sottopone ad una ricattabilità che lede la libertà di insegnamento e di conseguenza il diritto all’istruzione”. Per tutte queste ragioni i sindacati si mobilitano: quella di oggi è stat la prima tappa di un percorso che condurrà alla manifestazione nazionale unitaria del 24 ottobre, articolata a livello regionale e che si terrà quindi a Bologna dalle ore 9.30.

ABS UDINE, 15/10 INCONTRO AZIENDA-SINDACATI – È previsto alle 10 di giovedì prossimo, il 15 ottobre, il nuovo incontro tra i vertici dell’Abs e le rappresentanze sindacali aziendali e territoriali. Il vertice si terrà dunque due giorni prima dell’inaugurazione del nuovo impianto rotoforgia, in programma nella mattinata di sabato 17, e non la settimana successiva, come era stato precedentemente proposto dall’azienda. A comunicarlo è il segretario provinciale di Udine della Fiom Cgil Maurizio Balzarini: “Guardiamo con ragionevoli aspettative all’appuntamento di giovedì- dichiara- che per i sindacati metalmeccanici dovrà portare concrete risposte su tutti i punti al centro del confronto con l’azienda e della mobilitazione dei lavoratori: L’esigenza di potenziare gli organici e di una nuova organizzazione dei turni, la gestione delle figure non idonee a determinate mansioni, la costituzione e le funzioni del comitato mensa, e naturalmente la definizione di un nuovo premio di risultato. Ricordo infatti che questo non viene erogato da tre anni e che i lavoratori non hanno ricevuto nulla neppure dopo l’approvazione del bilancio 2014, nonostante l’utile record con cui Abs ha chiuso l’ultimo esercizio”.

SAN GIOVANNI ROTONDO (FG), SCIOPERO AL ROVESCIO – Terzo appuntamento per la Cgil di Foggia con lo “sciopero al rovescio”, giornate d’impegno extralavorativo “contro il degrado, la povertà e il disagio sociale, per migliorare la qualità e la vivibilità delle città e dell’ambiente naturale”. Ne dà notizia il sindacato in una nota. L’iniziativa vede protagonisti lavoratori ma anche semplici cittadini, per richiamare l’attenzione delle istituzioni circa l’urgenza di misure a sostegno del lavoro, a partire dai cantieri di cittadinanza, e per l’utilizzo di risorse già assegnate per l’avvio o il completamento di infrastrutture e opere pubbliche. Dopo le spiagge di Zapponeta e le aree verdi della città di San Severo, obiettivo della terza azione è un’infrastruttura pubblica che, scive la Cgil, “avrebbe dovuto rappresentare un fiore all’occhiello per il Gargano, simbolo e assieme strumento di politiche capaci di coniugare turismo, eccellenza agroalimentare, territorio, storia, cultura”. Ovvero la Masseria Pilota Agropolis, che giace in stato di abbandono da oramai oltre dieci anni in località Pantano, nel comune di San Giovanni Rotondo.

9 ottobre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»