AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE europa

Ue, da leader Mediterraneo la Carta di Atene, crescita uguale per tutti

ROMA – Un documento comune, la dichiarazione di Atene, chiude il vertice tra i leader dei Paesi Ue del Mediterraneo, a cui ha partecipato il presidente del Consiglio Matteo Renzi. In una dichiarazione alla stampa al termine della riunione, il premier greco Alexis Tsipras ha spiegato che il documento impegna i paesi sottoscrittori “sull’economia, con le nostre proposte sulla coesione sociale, su una crescita uguale per tutti” e sui temi dell’agenda europea dalla sicurezza alla gestione dei migranti.

RENZI: “NON PUO’ CONTINUARE COSI’, DEVE ESSERE EUROPA SOCIALE”

“Siamo in una fase in cui l’Europa non può continuare ad essere solo regole, technicalities, finanza e austerity. Dovrà essere concentrata sui valori profondi che l’hanno fatta grande, l’Europa sociale“, ha detto il presidente del consiglio Matteo Renzi, al termine del vertice di Atene, tra i leader dei Paesi Ue del Mediterraneo. “L’uomo europeo di domani- dice Renzi in greco- dovrà essere ‘kalòs kai agathos’, bello e buono. Una dimensione etica incentrata sui grandi valori che ci hanno resi importanti e significativi. E non solo sulle mere tecniche burocratiche”.

RENZI: NEL MEDITERRANEO L’EUROPA ESPRIME IL MEGLIO DI SE’

atene_ueIl Mediterraneo non è il passato dell’Europa, sostiene Renzi nel corso di una dichiarazione alla stampa al termine del vertice di Atene. “Se qualcuno si rivolgesse con lo sguardo al Mediterraneo- dice Renzi- vedrebbe uno straordinario pezzo d’Europa. Ma la stragrande maggioranza dei commentatori oggi ritiene che il Mediterraneo sia solo il passato dell’Europa. E non è così. Allo stesso modo l’Europa non è il passato della crescita mondiale“. Per questo spiega il premier italiano, bisogna “tentare di rinnovare in vista di Bratislava e dell’appuntamento di Roma del marzo 2017 un’idea di Mediterraneo in cui l’Europa tira fuori la parte migliore di se'”.

di Alfonso Raimo, giornalista professionista

(Il video è stato diffuso sul sito del Governo)

09 settembre 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988