AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Addio cavalli sotto al sole, a Roma arriva la botticella elettrica VIDEO

ROMA – Evitare la dispersione dell’energia prodotta riconoscendo una ricompensa a chi la produce. E’ il progetto DinamoBike, ideato da Codacons e EMC Tv con la collaborazione di Enel, Nissan e Telepass per incentivare la mobilità sostenibile al 100% elettrica, illustrato venersdì scorso a Roma.

Domenica 9 a Spazio Tiziano si potra’ produrre energia con una semplice pedalata, un modo per ricaricare apparecchi elettronici, portatili, dispositivi e tablet, con un occhio anche al benessere fisico.

E’ stata anche l’occasione per presentare il prototipo della Biocarrozza elettrica che sarà adottata dalla capitale in sostituzione delle botticelle trainate da cavallo.

LEGGI ANCHE A Roma “cavalli sfruttati” a 40 gradi, i Verdi insorgono

Ogni persona mediamente allenata può produrre fino a 120-130 watt in una seduta senza stancarsi, con una media di 14-16 Wh prodotte ogni dieci minuti.


“La mobilità può essere anche fatta col proprio corpo- commenta Carlo Rienzi, presidente Codacons- oggi dimostriamo che muovendo il corpo si migliora la salute, si combatte l’obesità e si produce energia. Spostare la mobilità verso elettricità per limitare l’inquinamento e’ un nostro obiettivo, così come il far capire ai giovani che il corpo e’ fonte di energia” .

A Roma ci sono 2.873.494 abitanti e un tasso di motorizzazione pari a 619 vetture ogni mille abitanti. Si stima che, se il 20% delle attuali auto fosse sostituito da biciclette, ci sarebbero 422.298 vetture e 280 decessi da smog in meno ogni anno.

“E’ un dato impressionante- aggiunge il presidente  Codacons- ci sono tre auto per famiglie, così si distrugge l’ambiente. Dobbiamo tornare a vivere la città dal basso e sul territorio, buche permettendo. Invece ora ogni romano rimane ore in auto prima di arrivare al lavoro” , termina Rienzi.

09 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988