Le associazioni tifano Marzetti sottosegretario al ministero della famiglia

ROMA – Quarantenne, avvocato e dottore di ricerca in Diritto amministrativo, un trascorso come counselor giuridico alle famiglie con esperienza pluriennale da Garante dell’Infanzia e Adolescenza della Regione Lazio. E’ il profilo di Jacopo Marzetti, in corsa per la nomina a Sottosegretario al neo dicastero per la Famiglia e la Disabilita’. L’agenzia Dire ha ‘testato’ il gradimento delle associazioni di settore sulla possibile nomina.

FOAI: DA MARZETTI CONTRIBUTO CERTO. E’ CAPACE E SERIO 

 La Federazione degli organismi per l’assistenza alle persone disabili, per voce del suo presidente, Renato Bernardini, ha definito Marzetti ‘un uomo capace di dare un importante contributo al ministero, vista la serieta’, la sensibilita’ e l’impegno dimostrati in questi anni nel suo incarico’.

ARIS: TANTE COSE DA FARE, NECESSARIO SUO IMPEGNO

Michele Bellomo, presidente dell’Associazione religiosa degli istituti socio-sanitari ha gia’ una lista di riforme da affidare al ministro e alla sua squadra, in cui accoglie con favore la possibile presenza di Marzetti: ‘Le prime cose da fare sono dei Lea ad hoc per l’assistenza sanitaria e sociale ai disabili, e una reale classificazione di tutte le disabilita’ con i relativi indirizzi. Stessa cosa la farei nei livelli minimi di ‘rispetto al disabile’ nelle opere e negli uffici pubblici o aperti al pubblico, che sulla carta ci sono gia’, ma nella realta’ non sono rispettati. Bisogna, inoltre, coordinare le regioni al fine che, almeno per i disabili, si possa avere una legislazione sanitaria e sociale unica cosi’ da garantire al disabile lo stesso trattamento in tutto il territorio nazionale’.

NOI TRA LA GENTE: INTERLOCUTORE SEMPRE PRESENTE 

“Abbiamo ritrovato in Jacopo Marzetti un interlocutore sempre presente nei nostri appuntamenti. È una persona che si muove nella logica dell’accoglienza e della solidarieta’ per aiutare i piu’ deboli’. Cosi’ Francesco Vaia, professore di Organizzazione aziendale ed economia sanitaria dell’Universita’ La Sapienza di Roma, direttore sanitario di presidio dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena – Istituto Dermatologico San Gallicano, e presidente dell’associazione ‘Noi tra la gente’. ‘Se Marzetti potesse diventare sottosegretario- ha affermato Vaia- ci aspettiamo una interlocuzione attiva che permetta di passare dalle parole ai fatti. Nel mondo della fragilita’ e della disabilita’ abbiamo bisogno di una persona che ci consenta di applicare la progettualità’.

‘OLTRE’ ATENEO ROMA TRE: MARZETTI ATTENTO A TUTELA AFFETTIVA MINORI 

Il neuropsichiatra infantile direttore dell’Osservatorio laboratorio tutela rispetto emozionale eta’ evolutiva (OLTRE), Matteo Villanova, ha cosi’ commentato alla Dire la possibile nomina di Marzetti a futuro sottosegretario al ministero per la Famiglia e la Disabilità: ‘Si e’ prodigato ad offrire un contributo significativo per cercare di impostare in maniera etico-deontologica la tutela emozionale e affettiva dell’eta’ evolutiva e la conservazione dei valori identitari della famiglia, pur nella sua naturale evoluzione. Lo ha fatto in un contesto storico e valoriale che richiede sempre di piu’ l’apporto di finalita’ di allargamento di una base conoscitiva, anziche’ semplicemente l’offerta di ulteriori competenze. La sensibilita’ di Marzetti ‘si e’ estesa alle collaborazioni che ha effettuato con me, in quanto direttore scientifico di Adiantum (Associazione di associazioni nazionali per la tutela dei minori) e dell’Associazione Nazionale Familiaristi Italiani (Anfi). L’impegno del garante continua ancora con le collaborazioni con l’Istituto superiore di pedagogia clinica e il centro nazionale contro il bullismo di cui sono il direttore scientifico’. Per Villanova è positivo ‘questo approccio globale, olistico, di attenzione alla dimensione legislativa, ma sempre partendo dalle reali esigenze educative e pedagogiche, prima ancora che neuropsichiatrico infantili o addirittura giuridiche e criminologiche nel fallimento ormai avvenuto’.

UNIVERSITA’ INTERNAZIONALE PACE: APPREZZIAMO DOTI MARZETTI

“Nella mia funzione di presidente dell’Università internazionale per la Pace di Roma delle Nazioni Unite, con competenza su tutto il bacino del Mediterraneo, ha conosciuto Jacopo Marzetti e ho apprezzato in tutte le occasioni in cui ci siamo incontrati per scopi istituzionali le sue doti di equilibrio e di preparazione professionale sugli argomenti trattati”. Lo dichiara il presidente dell’Università internazionale per la Pace di Roma, l’ingegner Gianni Cara, interpellato dall’agenzia Dire sull’ipotesi che il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Lazio, Jacopo Marzetti, possa ricevere l’incarico di sottosegretario al ministero della Famiglia e della Disabilità.

ROSSI (ANTHROPOI): MARZETTI COMPETENTE E SENSIBILE

“Abbiamo conosciuto l’avvocato Jacopo Marzetti e lo abbiamo apprezzato come persona competente e sensibile alle problematiche della famiglia, dei minori, nonché delle fasce deboli e vulnerabili. Il suo impegno nella interazione con le diverse professionalità che operano nel settore è costante e di notevole spessore”. Così l’avvocato familiarista e componente del direttivo dell’Associazione Anthropoi-Istituto di studi europei sul Diritto di Famiglia e delle Persone, Pompilia Rossi, interpellata dall’agenzia Dire sull’ipotesi che il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Lazio, Jacopo Marzetti, possa essere nominato sottosegretario al ministero della Famiglia e della Disabilità. “È infatti ben nota la sua disponibilità nell’esaminare ogni singola situazione a lui sottoposta come Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza- prosegue l’avvocato Rossi- ed altrettanto nota è la tempestività di ogni suo intervento. Per questo ritengo che sia la persona giusta per ricoprire l’incarico, perché potrà offrire un rilevante contributo alla soluzione delle problematiche inerenti la famiglia e le disabilità”.

ASSOCIAZIONE CAMMINO: POSITIVA IPOTESI MARZETTI SOTTOSEGRETARIO FAMIGLIA

“L’ipotesi di vedere l’avvocato Marzetti come sottosegretario al ministero della Famiglia è molto positiva. Credo infatti possa fare bene a tante famiglie, anche in connessione con le disabilità crescenti che, a causa dell’invecchiamento, interessano sempre maggiori strati della popolazione”. Risponde così Maria Giovanna Ruo, presidente dell’Associazione Cammino-Camera nazionale Avvocati per la persona, le relazioni familiari e i minorenni, interpellata dall’agenzia Dire sull’ipotesi che il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Lazio, Jacopo Marzetti, possa ricevere l’incarico di sottosegretario al ministero della Famiglia e della Disabilità.

“Conosco Marzetti perché ha collaborato con Cammino- conclude Ruo- partecipando anche alla docenza della Scuola di Alta formazione specialistica Avvocati in materia di famiglia”.

CATIZONE (‘FAMILY SMILE’): MARZETTI DAREBBE EQUILIBRIO A MINISTERO FAMIGLIA

“Una figura così moderata e competente come l’avvocato Marzetti, che si è distinto per la sua professionalità nello svolgere il ruolo di Garante per l’Infanzia del Lazio, rassicurerebbe tutto il mondo dell’associazionismo e del Terzo settore che hanno a cuore la famiglia in generale. Marzetti ha infatti sempre lavorato sui minori ma anche sui rapporti familiari, con una dedizione equilibrata ed aperta”. Così l’avvocato familiarista Andrea Catizone, presidente dell’Associazione ‘Family Smile’, interpellata dall’agenzia Dire sull’ipotesi che il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza del Lazio, Jacopo Marzetti, possa essere nominato sottosegretario al ministero della Famiglia e della Disabilità.

“Marzetti sarebbe quindi una garanzia e una rassicurazione per tutti noi, che da tanti anni ci occupiamo di queste materie- prosegue l’avvocato Catizone- a maggior ragione alla luce delle prime dichiarazioni del nuovo governo sulla famiglia. Non possiamo basarci solo su quelle, perché è ancora troppo presto, ma certamente si respira preoccupazione sia nel mondo dei minori sia in quello dei diritti delle donne e della famiglia per i primi approcci che l’esecutivo ha manifestato sul piano dei diritti fondamentali dell’essere umano. E non voglio neppure chiamarli ‘diritti civili’ per non declassarli”. Secondo l’avvocato Catizone, dunque, la figura di Marzetti darebbe “sicuramente un equilibrio– aggiunge ancora- perché è riconosciuta in tutto il mondo dell’associazionismo, che ha sempre avuto lui come punto di riferimento. Per cui vedrei assolutamente di buon grado, anzi auspico che l’avvocato Marzetti possa veramente essere incaricato come sottosegretario alla Famiglia, ruolo che saprebbe ricoprire con grande equilibrio, sia umano sia professionale- conclude- perché in questa materia occorrono entrambe”.

Leggi anche:

9 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»