San Marino

Disabili, il Titano porta il suo modello all’assemblea Onu di New York

mussoni_gallo_morganti

SAN MARINO – San Marino presenta il suo sistema di protezione sociale, in particolare per i disabili, all’Onu come modello d’eccellenza. Da Palazzo Pubblico si presenta la delegazione in partenza per la 9° conferenza dei stati membri dell’Onu sulla Convenzione dei diritti delle persone con disabilità a New York. In prima linea, il segretario di Stato per la Sanità, Francesco Mussoni, che il 14 giugno interverrà in assemblea plenaria con un suo messaggio. Al suo fianco, Patrizia Gallo, presidente della Commissione pari opportunità, e Maria Rita Morganti, vice presidente della Commissione sammarinese per l’attuazione della convenzione Onu.

parcheggio_disabili“La partecipazione della segreteria di Stato, insieme alle commissioni, è un fatto simbolico- spiega il Segretario- sui temi della disabilità e dell’inclusione non ci sono divisioni e vogliamo presentare quello che nel nostro paese facciamo”. San Marino, prosegue, ha un sistema sociale che non abbandona nessuno, vogliamo rappresentare al massimo livello che abbiamo un sistema di servizi che fanno protezione sociale in ogni ambito della vita”. Gallo sottolinea l’importanza della legge quadro sull’inclusione del 2015 che ha portato alla nascita della Commissione Csd Onu con cui, spiega la presidente della Commissione pari opportunità, è nata “una sinergia per stimolare al massimo servizi, associazioni e istituzioni legati alla disabilità”. A New York “porteremo San Marino come paese pilota per l’assistenza– prosegue- ma cercheremo anche di raccogliere suggerimenti”. Maria Rita Morganti spiega infine gli impegni condotti dalla Commissione csd Onu, nata nel novembre 2015. Tra questi, segnala la raccolta di dati per conoscere la condizione dei disabili. Obiettivo è quello di costruire un data-base da cui partire per fare progetti.

9 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»