Bcsm, Valentini: "Licenziamento Vivoli fatto molto grave, bisogna reagire" - DIRE.it

San Marino

Bcsm, Valentini: “Licenziamento Vivoli fatto molto grave, bisogna reagire”

sds esteri valentiniSAN MARINO – Il segretario di Stato per gli Affari Esteri, Pasquale Valentini, prende le difese di Andrea Vivoli, ex funzionario della Vigilanza di Bcsm. “Oggi, davanti alla notizia del suo licenziamento- scrive infatti il segretario in una nota- non mi è possibile allontanare il pensiero dalla constatazione che qualcosa di molto grave si stia compiendo e che occorra reagire“. Valentini sottolinea quindi il contributo di Vivoli al riconoscimento internazionale di San Marino in questi anni. “Ho assunto la responsabilità delle Finanze nei primi giorni di maggio del 2010“, ricorda. “Eravamo nel momento più grave della crisi dei rapporti con l’Italia- spiega- avevamo già assistito all’arresto dei vertici di due banche, il sistema bancario era in caduta libera e il Paese ‘accerchiato'”.

San Marino_banca centraleCosì, “il primo lavoro da fare– prosegue- era quello di ridare autorevolezza ad un organismo come Banca Centrale che da quasi un anno era stata delegittimata e privata dei vertici”. In questo contesto, “ho sperimentato in prima persona quale sia stato il contributo tecnico e professionale di figure come Vivoli- evidenzia Valentini- che, gradatamente e con serietà e competenza, hanno portato Banca Centrale ad essere un interlocutore autorevole in ambito internazionale e, in particolare, nelle relazioni con l’Italia”. Innumerevoli, spiega il segretario di Stato, sono stati gli interventi messi in atto, sia sul piano della vigilanza, sia sul piano normativo: “Senza il lavoro di queste figure– rimarca- non sarebbe stato possibile il riconoscimento che in ambito internazionale il nostro Paese ha guadagnato, consentendogli di uscire dall’isolamento in cui era caduto”. Di fronte tutto questo, “per quale ragione- si interroga Valentini- chi è stato fra i protagonisti di questo percorso, dopo essersi giocato in prima persona fra molte difficoltà e opposizioni, deve essere allontanato?”.

9 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»