Lombardia

Sala al municipio 4, “Sento feeling con Radicali e Rizzo”/VIDEO

sala

MILANO – Il candidato del centrosinistra Beppe Sala in visita al mercato del municipio 4 fa il punto sulle eventuali alleanze per vincere il ballottaggio con Parisi. Sul piatto c’è una possibile intesa con i Radicali Italiani, e Sala in merito a un accordo si dice “abbastanza positivo“, anche se “oggi loro incontrano Parisi quindi rispetto il loro percorso”, ammettendo però che “ci sono molte cose che li avvicinano a noi“. Scendendo nel dettaglio della possibile intesa, Sala dice che “sono due gli elementi su cui stiamo analizzando la convergenza di programmi: il primo è quello della casa”, su cui i Radicali “hanno l’idea che io condivido” dice Sala, ossia “di cercare di coinvolgere magari anche i privati che hanno immobili sfitti rispetto ai quali il comune può partecipare alla ristrutturazione se vengono trasformati in edilizia popolare. Questo loro punto del programma si allinea perfettamente al mio”. Poi c’è il secondo tema, quello dei referendum, “che è un tema molto aperto su cui stiamo ragionando” dice Sala, che ammette come ci sia “un referendum che a me starebbe a cuore”, cioè quello sulla riapertura dei navigli: “Voglio entro fine 2017 preparare il piano tecnicamente e finanziariamente sostenibile per la riapertura dei navigli e metterlo a referendum”.

Poi c’è l’altra alleanza possibile e organica, quella con la sinistra radicale di Basilio Rizzo: “Con Rizzo la convergenza sarà puramente sui contenuti” fa sapere Sala. “Anche lì tante questioni che ci portano a dire che su alcuni temi siamo vicini. Rizzo lo conosco da tanto, non è uno che chiede nulla per sé, ma chiede di condividere delle idee”. Per l’ex numero uno di Expo quello con Rizzo “sarà un percorso di avvicinamento e anche lì sono abbastanza positivo sapendo che Basilio continuerà a fare quello che fa, ossia una forza critica di opposizione”, conclude Sala.

di Nicola Mente, giornalista

9 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»