Casal Bruciato, arrivano le prime denunce: anche a chi ha urlato ‘ti stupro’

Le denunce riguarderebbero soggetti che hanno insultato con frasi razziste i rom assegnatari dell'alloggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono scattate le prime denunce per le proteste dei giorni scorsi in via Satta, a Casal Bruciato, contro l’assegnazione di una casa popolare ad una famiglia rom. Non è al momento chiaro quante siano le persone denunciate, ma di sicuro tra i soggetti identificati c’è anche chi ha rivolto la frase “Ti stupro” all’indirizzo della madre rom con in braccio un bambino, mentre veniva scortata dal Reparto Mobile all’interno ella palazzina. L’informativa della Digos sta per essere trasmessa all’Autorità giudiziaria. Le denunce riguarderebbero soggetti che hanno insultato con frasi razziste i rom assegnatari dell’alloggio.

LEGGI ANCHE:

Casal Bruciato, ritorno alla normalità: via gazebo e manifestanti

Casal Bruciato, Daniele è con Casapound: le immagini lo confermano

VIDEO | Casal Bruciato, da Casapound insulti a madre rom con bimba: “Troia, ti stupriamo”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»