“Pet Sematary”, “Red Joan” e “Ted Bundy”: i film al cinema dal 9 maggio

Nelle sale storie di spie, malavita cinese e serial killer dalla doppia personalità, ma anche commedie poetiche, documentari e horror imperdibili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Storie di spie, malavita cinese e serial killer dalla doppia personalità, ma anche commedie poetiche, documentari sulla questione razziale e horror imperdibili: tutto questo in un solo week end.

PET SEMATARY

Primo nella lista dei film piu’ attesi in uscita il 9 maggio, certamente l’horror  “Pet Sematary” (Cimitero degli animali). A trent’anni di distanza dal primo film tratto dal romanzo di Stephen King, diretto da Mary Lambert, arriva un nuovo adattamento per il grande schermo. La pellicola, diretta da Kevin Kolsch e Dennis Widmyer, segue le vicende del Dr. Louis Creed (Jason Clarke) che, dopo aver traslocato insieme alla moglie Rachel (Amy Seimetz) e i loro due figli da Boston in una località rurale del Maine, scopre un misterioso cimitero vicino alla sua nuova casa. Quando una tragedia colpisce la sua famiglia, Louis si rivolge al suo bizzarro vicino, Jud Crandall (John Lithgow), scatenando una pericolosa reazione a catena dalle conseguenze terribili.

“RED JOAN”

Attesissimo questo week end al cinema anche “Red Joan”, storia di spionaggio ai tempi della seconda guerra mondiale con protagonista il premio Oscar Judi Dench. Il film, diretto da Trevor Nunn, ripercorre attraverso dei flashback gli anni universitari di Joan (interpretata nella versione giovanile da Sophie Cookson), partendo da quando nel 1938 a Cambridge incontra l’affascinante Leo Galich (Tom Hughes), giovane studente ebreo militante nel Partito Comunista, e se ne innamora. La visione della vita del ragazzo apre alla studentessa di fisica un po’ ingenua prospettive nuove che, anni dopo, la porteranno a valutare la possibilità di tradire il suo Paese.

LEGGI LA RECENSIONE NO SPOILER DI RED JOAN

I FIGLI DEL FIUME GIALLO

Presentato in Concorso all’ultimo Festival di Cannes, e passato poi al Torino Film Festival, “I figli del fiume giallo” (Ash is Purest White) è il nuovo film di Jia Zhangke, già acclamato autore di “Al di là delle montagne” e del Leone D’Oro “Still Life”.
 
La pellicola racconta la storia di Qiao (interpretata da Zaho Tao), una ballerina  innamorata di un gangster, Bin (Liao Fan), che, trovandosi coinvolta  in un combattimento tra bande locali, per difenderlo spara un colpo di pistola. Per questo finirà cinque anni in carcere. Dopo il suo rilascio Qiao cercherà Bin per riprendere la sua vita con lui ma non tutto è rimasto come prima.
 

TED BUNDY – FASCINO CRIMINALE

Zac Efron si mette alla prova e veste i panni di uno dei più famosi serial killer della storia americana, Ted Bundy. Uomo dal viso pulito e dalla voce suadente, Bundy riuscì a convincere le sue spasimanti e il pubblico televisivo (il suo fu il primo processo ad essere trasmesso in tv) di essere innocente. Il film racconta i vari processi a cui il killer andò in contro, visti dalla prospettiva della sua fidanzata Liz, ignara del fatto che il suo compagno fosse un assassino e convinta della sua innocenza. “Ted Bundy” è diretto da Joe Berlinger, regista specializzato in lavori d’inchiesta su casi di omicidio.

IL GRANDE SPIRITO

Sergio Rubini firma la sua 13esima regia con una commedia poetica, affrontando temi ambientali, attraverso il racconto di un’improbabile amicizia. Protagonisti della pellicola lo stesso Rubini, nei panni di un ladro in fuga, e uno strano individuo dall’aspetto eccentrico, Cervo Nero (Rocco Papaleo). Quest’ultimo, convinto di appartenere alla tribù dei Sioux, vive su una terrazza di Taranto dalla quale non scende mai, poiché ritiene che se lo facesse si ammalerebbe, come è successo a suo padre, operaio dell’Ilva.

Tonino, in cerca di  un rifugio, si stabilizza sulla terrazza di Cervo Nero e decide di allearsi con questo squilibrato che si comporta come un pellerossa e che, proprio perché guarda il mondo da un’altra prospettiva, potrà forse fornirgli la chiave per uscire dal vicolo cieco in cui è finito.

CHE FARE QUANDO IL MONDO E’ IN FIAMME?

Il regista marchigiano Roberto Minervini, acclamato a Cannes per Louisiana (The Other Side) e Stop the Pounding Heart, torna al cinema con il documentario “Che fare quando il mondo è in fiamme?”. Il film è una riflessione sul concetto di razza in America e insieme il ritratto intimo di una comunità che nell’estate del 2017, dopo che una serie di brutali uccisioni di giovani africani da parte della polizia ha scosso tutti gli Stati Uniti, combatte per la giustizia, la dignità e la sopravvivenza in un Paese che non sembra essere dalla sua parte.

C’è Judy che cerca di mantenere a galla la propria famiglia allargata, mentre gestisce un bar minacciato dalla gentrificazione. Ronaldo e Titus, due giovanissimi fratelli, che crescono in un quartiere afflitto dalla violenza, mentre il padre è in prigione. Kevin, Big Chief della tradizione indiana del Mardi Gras, che lotta per mantenere vivo il patrimonio culturale della sua gente attraverso i rituali del canto e del cucito. Infine, il gruppo rivoluzionario delle Black Panthers impegnato ad indagare sul linciaggio di due ragazzi nel Mississippi, mentre organizza una protesta contro la brutalità della polizia.
 
 

TUTTI PAZZI A TEL AVIV

Il regista palestinese Sameh Zoabi firma la sua terza regia con un film divertente e intelligente che spinge a riflettere sul difficile rapporto fra palestinesi e israeliani.
Presentato in Concorso all’ultimo Festival di Venezia, dove si è aggiudicato il riconoscimento per il Miglior attore (Kais Nashif), “Tutti Pazzi a Tel Aviv” è la storia di Salam, un affascinante trentenne palestinese che vive a Gerusalemme dove lavora come assistente ai dialoghi per una notissima e seguitissima soap-opera, intitolata “Tel Aviv brucia”. Ogni giorno, per raggiungere gli studi televisivi, Salam deve passare attraverso un posto di blocco israeliano. Qui incontra il comandante incaricato del posto di blocco, Assi, la cui moglie è una fedelissima fan della soap opera. Per impressionare la donna, Assi si fa coinvolgere nella stesura della storia della soap ambientata a a Tel Aviv nel 1967.

SOLO COSE BELLE

Presentato in anteprima come visione straordinaria a Rimini lo scorso 7 dicembre, in occasione del cinquantennale della Comunità Papa Giovanni XXIII‘Solo cose belle’, è un film-manifesto dedicato al valore della diversità e alla lotta all’emarginazione.

Una commedia corale, brillante e divertente, che racconta l’incontro tra due mondi solo apparentemente lontani: un paesino dell’entroterra romagnolo alle prese con le prossime elezioni comunali e una casa famiglia abitata da una mamma e un papà, da un richiedente asilo appena sbarcato, da un’ex-prostituta, da un giovanissimo ex carcerato, da due ragazzi con gravi disabilità, dal figlio naturale della coppia.

LEGGI ANCHE ‘Solo cose belle’, il film-manifesto sul valore della diversità

L’ALFABETO DI PETER GREENAWAY

Domenica 12 maggio arriva al cinema un film personale e intimo su Peter Greenaway che ripercorre la sua vita e l’arte, in compagnia della figlia Zoë, detta Pip. La sua figura, poliedrica e ambigua, viene raccontata con occhio ironico e profondo facendo emergere passioni e debolezze del regista. Passato in anteprima italiana al Biografilm Festival di Bologna, L’alfabeto di Peter Greenaway è un documentario che fa riflettere sul significato profondo della creazione artistica e sul rapporto tra vita e morte. 

POKÉMON DETECTIVE PIKACHU

Arriva al cinema la prima avventura Pokémon live-action, che vede Ryan Reynolds dare la voce a Pikachu, il volto iconico del fenomeno globale Pokémon, uno dei marchi di intrattenimento multigenerazionale più popolari al mondo ed il franchise multimediale di maggior successo di tutti i tempi.

La storia inizia quando il geniale detective privato Harry Goodman scompare misteriosamente, costringendo il figlio di 21 anni Tim a scoprire cosa sia successo. Ad aiutarlo nelle indagini l’ex compagno Pokémon di Harry, il Detective Pikachu: un adorabile, esilarante e saggio super-investigatore che sorprende tutti, persino se stesso. I due uniranno le loro forze in un’avventura elettrizzante per svelare l’intricato mistero.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»