Cultura

Arte contemporanea a Roma, a maggio tre mostre da non perdere

ROMA – L’iperpop di Mirco Campioni, tra fumetti e mostri, l’astratto e l’informale materico di Luisiano Schiavone, la foto-poetica di Daniela Pungitore. L’arte contemporanea è di nuovo grande protagonista a Roma con tre nuove mostre da non perdere, tra piccole gallerie da scoprire e giovani spazi espositivi.

‘Mr. Monsters’ all’Atelier Montez

I fumetti diventano mostri, i capolavori più iconici dell’arte si fondono con i celebri villains cinematografici, mentre lo Stormtrooper di Star Wars ribalta la storia, sia quella dell’uomo che quella dell’arte. Un omaggio, reso arte, alla cultura pop degli anni Settanta e Ottanta, con citazioni culturali disseminate, spesso anche nascoste, in tutte le sue opere, tra tele, oli e sculture. Parliamo delle opere dell’artista e tatuatore bolognese Mirco Campioni, che saranno in mostra presso l’Atelier Montez, a Roma, da venerdì 18 maggio, ore 18, a venerdì 8 giugno, nell’esposizione intitolata ‘Mr. Monsters’, a cura di Giancarlo Carpi. Tante e spiazzanti le opere in mostra, con incredibili ‘mix’ da ammirare. La bambola cult degli anni Ottanta si fa ‘assassina’, il Goldrake ‘vitruviano’, l’iconico Dracula di Bela Lugosi si veste da Topolino, Nightmare di Wes Craven, invece, da Super Mario Bros. E ancora il Gollum de ‘Il Signore degli anelli’ sfoggia la blusa da marinaio di Paperino, il Pinguino di Danny De Vito minimizzato a uno dei nani di Biancaneve. Le contaminazioni pop messe in atto da Mirco Campioni non risparmiano campi ben più sacri e cerimoniosi. E i capolavori dell’arte si ritrasformano e diventano supereroi e fumetti. Così la Gioconda si fonde con la Wonder Woman del telefilm cult anni Settanta, la donna con l’ermellino assume le fattezze della sexy Catwoman di Michelle Pfeiffer, la morte di Marat muta in quella di Yoda e quella del Cristo in quella di Superman.

‘Guar-dare (fuori o dentro?) di Daniela Pungitore presso la Galleria Plus Arte Puls

Scorci impetuosi di paesaggi, frammenti temporali e immobili, immagini rubate da soggetti deturpati: i soggetti di Daniela Pungitore sono attimi di quotidianità carichi di irruenza e passione. Le sue fotografie, accompagnate dalle sue didascalie poetiche, penetrano in chi le guarda, come dardi nel cuore. Come se ci fosse più lei che altro. Perché nelle sue mani la macchina fotografica diventa uno specchio, strumento di analisi e di autocoscienza. La sua è una visione del tutto e di tutto, scorporato e ricomposto secondo la sua emotività. Dove anche il nulla diventa incredibilmente carico di significati. Si aprirà mercoledì 16 maggio presso la Galleria d’arte romana Plus Arte Puls, sempre a Roma, ‘Guar-dare (fuori o dentro?)’, la personale della fotografa Daniela Pungitore, morta il 10 marzo 2016. La mostra, curata da Francesca Barbi Marinetti e con un testo critico di Marco Colletti, sarà visitabile sino a mercoledì 23 maggio, da lunedì a venerdì dalle 10:30 alle 18:30, il sabato dalle 11 alle 17, domenica su appuntamento. Il vernissage di mercoledì prossimo, ore 18:30, si arricchirà del progetto scenico di Anna Cuocolo e della partecipazione del soprano Elena Nicotera e del tenore Sunwoo Jung.

‘Luisiano Schiavone’ presso Galleria SpazioCima

Tre percorsi per un unico (ma triplice) stile, che dia valore ed emozione ai tre elementi padre della pittura: segno, colore e materia, così intrensicamente e naturalmente legati tra loro nell’arte figurativa, si scindono e diventano protagonisti assestanti delle tre collezioni di Luisiano Schiavone. L’artista brindisino, 42 anni, arriva a Roma per una sua nuova personale, in cui racconta i suoi 30 anni di esperienza e ricerca artistica, fatta di pennellate e studi quasi scientifici. L’artista, che fa suoi gli insegnamenti di Aegon Shiren per il segno, dell’Informale Materico per la materia e di Paul Gauguin per il colore, li reinterpreta in tre percorsi. ‘Luisiano Schiavone’ è il nome della nuova mostra di Galleria SpazioCima, sita in via Ombrone 9, Roma, che inaugurerà domani, mercoledì 9 maggio, dalle ore 18:30 alle ore 21:30, e proseguirà sino a mercoledì 30 maggio. La mostra, curata e organizzata da Roberta Cima, è a ingresso libero, da lunedì a giovedì dalle 15 alle 19 e il venerdì dalle 10 alle 13. Circa venti le opere in esposizione.

Ti potrebbe interessare:

9 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»