Migranti, 2018 da record per le rimesse dal Sud del mondo

Il flusso ufficiale registrato per l'anno scorso verso i Paesi del Sud del mondo ammonta a 529 miliardi di dollari, contro i 483 del 2017
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le rimesse degli emigrati verso i Paesi con redditi medi e bassi sono cresciute del 9,6% nel 2018: un record, si evidenzia in una ricerca diffusa dalla Banca Mondiale. Secondo lo studio, il Migration Development Brief, il flusso ufficiale registrato per l’anno scorso verso questi Paesi ammonta a 529 miliardi di dollari, contro i 483 del 2017. A livello globale, le rimesse hanno raggiunto quota 689 miliardi di dollari del 2018, contro i 633 del 2017.

Nel 2019, si stima che il flusso di rimesse verso i Paesi con reddito medio e basso sia destinato a raggiungere i 550 miliardi, diventando la loro fonte principale di finanziamento esterno. Tra le macro-regioni prese in esame dalla Banca mondiale, è stata l’Asia meridionale a vedere il maggiore incremento delle rimesse (+12%), mentre il meno significativo (+7%) si riscontra in Asia orientale e Pacifico. Il Paese dove arriva il flusso maggiore di rimesse è l’India, con 79 miliardi di dollari, seguita dalla Cina, con 67, e dal Messico, con 36.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»